Italinemo: brevi appunti sul funzionamento (di Vanessa Iacoacci)

Bimestre Gennaio-Febbraio 2018 (21 febbraio)

Assunto assiomatico nel campo accademico è quello del conoscere e presentare per ogni studio che si propone una bibliografia attenta e aggiornata. Negli ultimi tempi -fortunatamente (ndr)- proliferano riviste e contributi di studiosi che permettono il continuo aggiornarsi e progredire degli studi. Un portale molto utile per tutti coloro che vogliano ricercare nell’ambito dell’italianistica e avere una pronta indicizzazione di riviste è ITALINEMO. Il sito presenta anche una sezione rivolta ad aggiornamenti inerenti convegni e iniziative scientifiche. Promosso da “Esperienze Letterarie”, il gruppo di ricerca che coordina il portale prende le mosse proprio dal convegno svoltosi a Napoli nel 2000 e attiva il sito al fine di divulgare e permettere una certa circolazione e fruizione di materiali (articoli e recensioni) raccolti su 132 riviste e sottoposti a continuo aggiornamento.  ITALINEMO si propone come banca dati a tutti gli effetti e propone sia una presentazione di ogni numero catalogato e inserito nel database, che vuole fornire una sezione di ricerca interna al sito. Non appena ci si reca sulla pagina di ricerca si può scegliere tra:

  • “Ricerca Libera”: si possono inserire sia singole parole che intere frasi nella barra di ricerca;
  • “Ricerca Articoli”: vengono richiesti diversi fattori per affinare la ricerca;
  • “Ricerca Recensioni”: come per gli articoli, vengono chiesti alcuni input.

Con “Ricerca Libera” vengono presentati in automatico sia articoli che recensioni. Un punto molto interessante di ITALINEMO è quello di fornire una breve descrizione, ricca di dettagli, che fa sì che lo studioso possa farsi un’idea del contenuto. Oltre a ottenere dei riferimenti bibliografici immediati che permettano di individuare riscontri puntuali, il portale permette anche di avere un’idea d’insieme di contributi afferenti il proprio ambito di ricerca.
Di fatto, avere uno strumento di supporto all’ACNP (Catalogo Italiano dei Periodici) è cosa utile. Non si può richiedere la digitalizzazione di tutti i materiali presenti sulle riviste per ovvi motivi.
Circa l’uso di ITALINEMO si devono proporre alcuni spunti di riflessione. È ovvio che non ci si possa affidare solo alla lista di risultati di ricerca che emergono, una volta inseriti i dati. Occorre sempre verificare caso per caso l’afferenza del risultato emerso con l’interrogazione posta. Capita, infatti, che alcuni risultati abbiano pochi o nessun punto in comune con l’oggetto dello studio.  Tuttavia, spesso, succede il contrario: quando inseriamo un input, tra i risultati possiamo riscontrare piacevoli sorprese. Nell’esperienza personale di chi scrive, infatti, è capitato che, nonostante si cercasse un articolo o un autore specifico, emergessero dalla ricerca dati che non erano stati previsti o che avrebbero potuto interessare un altro aspetto dello studio che si sarebbe dovuto trattare successivamente o che fosse di un’indagine afferente di cui ci si stava occupando.
Il grande merito di ITALINEMO è quello di non essere un semplice accompagnamento dell’ACNP: esso si propone come uno strumento specifico per la saggistica d’italianistica. Ancora, si propone come strumento che porta all’eliminazione dell’errore.
ITALINEMO si rivela strumento molto utile in due fasi del lavoro di stesura: il momento iniziale per l’individuazione del materiale necessario alla ricerca, e quello finale di revisione bibliografica.

Lo sviluppo di portali come questo, di fatto, non permette di tralasciare nulla circa la bibliografia fondamentale e consente di presentare un prodotto aggiornato e privo di lacune bibliografiche.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *