Storia e digital humanities (di Michele Armellini)

30 aprile 2017 (Bimestre Marzo-Aprile 2017)

Le nuove tecnologie digitali hanno cambiato profondamente il rapporto tra gli storici e l’oggetto privilegiato del loro studio, il documento: la digitalizzazione consente di preservare le fonti scritte dalla distruzione, dal logoramento e dallo smarrimento. Inoltre questa nuova possibilità di preservazione consente un accesso più ampio a documenti che, a causa del loro stato di conservazione, sarebbero inaccessibili o quasi allo studioso.

Le nuove tecnologie hanno permesso agli archivi più sensibili nel cogliere le possibilità consentite dall’informatica di dotarsi di motori di ricerca pensati e ideati esplicitamente per i loro fondi archivistici: un caso che può essere considerato esemplare è quello del software Shades (Software for Historical Archives DEScription).

Anche l’insegnamento della storia non ha tardato ad usufruire delle nuove tecnologie: la grande maggioranza di libri di testo dedicata alle scuole secondarie di secondo grado, oltre al tomo cartaceo, prevede in allegato un CD o l’accesso ad una piattaforma online contenente esercizi, brevi video di lezioni e documenti.

In alcuni casi il supporto cartaceo è del tutto eliminato: esistono siti che consento di acquistare “pacchetti” di lezioni dedicate a specifici argomenti, permettendo così di potere approfondire i propri interessi e tralasciare il resto.

Questi sono fatti noti (con maggiore o minore gradimento) alla maggior parte degli addetti ai lavori, ma c’è un aspetto che riguarda il rapporto tra le nuove tecnologie e la Storia che è stato sottovalutato: la divulgazione.

La divulgazione

Ci si sarebbe potuto aspettare che le possibilità offerte dalla rete di comunicare e condividere con immediatezza le proprie idee sarebbero state colte dagli storici, ma nella maggior parte nei casi non è andata così.

Salvo alcuni progetti, come Ereticopedia già presentato su questa rivista dall’articolo di Luca al Sabbagh [1], la maggior parte dei siti o dei blog che si ripromettono di fare divulgazione storica vedono assenti gli storici di professione: si tratta per lo più di appassionati, più o meno competenti. C’è da aggiungere anche che, spesso, i progetti online di storia tendono ad essere concettualmente rivolti all’interno del mondo accademico pur nascendo, anche ideologicamente, all’esterno. Il rischio è che sia che il dibattito parta dall’interno del mondo accademico o parta dall’esterno, finisca sempre o quasi per diventare autoreferenziale, trascurando chi ne è fuori.

Ma allora qual è lo scopo dello studio della Storia: presidiare una cattedra, scrivere una quantità di pubblicazioni superiore al numero di persone che la leggeranno, oppure cercare di trasmettere agli altri la propria conoscenza?

Non è una mera questione metafisica, il baratro che separa il dibattito accademico dal resto della società è talmente ampio da influenzare direttamente il mondo in cui viviamo. Ridurre questo gap è essenziale per tornare a fare dialogare questi due mondi; la conoscenza senza il desiderio o la capacità di comunicare diventa mera speculazione e finisce per morire dentro di noi e con noi.

La divulgazione è una necessità, se non proprio un dovere, sociale, basti pensare alla questione dei vaccini: il virologo Roberto Burioni su facebook ha cominciato a fare opera di divulgazione impegnando il suo tempo e mettendo la propria faccia su un dibattito quanto mai rovente. Certo, quello che scrive su facebook non ha nessun valore accademico, e non conta come pubblicazione, ma ha un valore sociale di notevole importanza [2].

Si può obiettare che la Storia sia una materia che non scuote le passioni quanto la questione dei vaccini, ma il caso Pansa fa pensare il contrario.

Il caso Pansa

Nel 2003 Pansa pubblica per la Sperling & Kupfer un libro dal titolo Il sangue dei vinti [3], una ricostruzione sulla resa dei conti avvenuta in Italia alla fine della Seconda guerra mondiale: esecuzioni collettive e vendette private più o meno politicamente motivate. Da un punto di vista commerciale il libro ha un successo enorme, più di mezzo milione di copie vendute, ma è il dibattito che l’uscita del libro ha causato nella società italiana e nel mondo accademico ce è stato rivelatore.
È interessante notare come il libro abbia riaperto ferite evidentemente non cicatrizzate se Il sangue dei vinti di Pansa è stato demonizzato da alcuni e agitato come un vessillo di riscossa da parte di altri: certo non una novità nel panorama italiano, in cui l’importante è dividersi in guelfi e ghibellini, ma che fa capire molto bene come non ci sia una percezione comune della storia d’Italia nella Seconda guerra mondiale. Da una parte c’è la festa della liberazione, le istituzioni e le piazze più o meno piene, dall’altra c’è chi si rifiuta ostinatamente di festeggiare e infine, probabilmente i più numerosi, c’è chi ringrazia di un giorno di ferie e se ne va al mare senza porsi tante domande. Questa è la spia di un problema enorme, pericoloso da ignorare.

Le reazioni in ambito accademico sono state sostanzialmente negative: il libro, è stato detto, parla con leggerezza di argomenti che sono già tema di discussione in ambito storiografico da almeno 10 anni. Il termine guerra civile per indicare la guerra di liberazione è stato sdoganato da Claudio Pavone nel 1991 con Una guerra civile. Saggio storico sulla moralità nella Resistenza [4]. A questa obiezione si aggiunge che il libro di Pansa non può essere considerato un saggio storico perché mancano le fonti a sostegno del suo lavoro.

Tutte queste obiezioni, come storico, le ritengo giuste: il Sangue dei vinti non può essere minimamente considerato un saggio storico e certo non è il primo libro in cui si analizza criticamente il ruolo della Resistenza.

Se queste obiezioni sono vere, com’è allora che il libro ha avuto un successo enorme? Com’è che ha sviluppato un dibattito pubblico che tante altre pubblicazioni più serie, profonde e meritevoli non sono riuscite a fare? Sarà stata la campagna pubblicitaria? Sarà stata la furbizia di Pansa che, conscio di avere trovato una miniera d’oro, si è messo a gettare benzina sul fuoco?

È possibile, ma forse nel successo del libro c’è stato un altro fattore di fondamentale importanza: la distanza tra il dibattito nel mondo accademico e il dibattito nel resto della società. Se gli storici sono almeno una quindicina d’anni che analizzano criticamente la Resistenza, come mai questo lavoro non ha suscitato l’interesse degli italiani (un interesse che il libro di Pansa ha dimostrato esserci eccome)? Forse il problema è che gli storici non tengono in considerazione nel loro lavoro, nello scrivere un libro o un articolo la necessità di dialogare non con un esimio professore, ma con una persona che di mestiere non studia la storia. È più importante pubblicare un lavoro che consenta di arricchire il proprio carnet di pubblicazioni, che colpisca gli addetti ai lavori piuttosto che raggiungere persone che ne sono al di fuori.

Ed è per questo che le nuove tecnologie, che sarebbero un meraviglioso canale per potere ridurre la distanza tra il mondo accademico e il resto della società, non vengono sfruttate: e in effetti ad un concorso non serve avere scritto un post su un blog, un post su facebook o un articolo di qualità su Wikipedia. In questo modo però si dimentica che la divulgazione è il fine stesso della conoscenza e che senza divulgazione la Storia muore e la società si impoverisce.

Certo non basta la semplice volontà di comunicare e di usare le nuove tecnologie per colmare il divario, tanti sono i fattori che causano questo stato di cose, ma cominciare a provarci è il primo passo. Mi fa piacere in chiusura di articolo segnalare l’ottimo lavoro di Sergio Luzzatto che con il suo Partigia [5] ha avuto il coraggio e l’abilità di scrivere un’analisi critica della resistenza apprezzabile e accessibile per tutti, studiosi e non.

[1] Luca Al Sabbagh, Una finestra online sul dissenso politico e religioso: il progetto “Ereticopedia”, in «Filologia Risorse Informatiche», bimestre novembre-dicembre 2016, url: https://fri.hypotheses.org/637

[2] Per un maggiore approfondimento si rimanda alla pagina facebook del virologo Roberto Burioni: https://www.facebook.com/robertoburioniMD/?fref=ts

[3] Giampaolo Pansa, Il sangue dei vinti, Milano, Sperling & Kupfer, 2003

[4] Claudio Pavone, Una guerra civile. Saggio storico sulla moralità nella Resistenza, Torino, Bollati Boringhieri, 1991

[5] Sergio Luzzatto, Partigia, Milano, Mondadori, 2013


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *