Piccolo vademecum sull’uso di Brepolis: le DH nella ricerca latina (di Alessandra di Meglio)

quadrimestre gennaio-aprile 2019 (26 gennaio)

Nato nel 1991 con l’intento di produrre un database contenente l’intera letteratura cristiana latina, Brepolis è un portale di ricerca online con un triplice scopo: sfruttare le migliori tecnologie attualmente in uso; offrire agli studiosi di scienze umanistiche l’accesso a una vasta quantità di testi; fungere da ponte tra le biblioteche digitali e i database, per migliorare la ricerca e offrirle nuovi spunti e prospettive.

Brepolis contiene oggi tutti i progetti Brepols Publishers (e dei suoi partner) consentendo agli iscritti l’accesso all’Année philologique online, al Latin Library Texts – Series A (LLT-A) e al Latin Library Texts – Series B (LLT-B), nonché ad altri progetti affiliati. L’LLT-A, precedentemente conosciuto come CLCLT – Cetedoc Library of Christian Latin Texts, fondato dall’Univeristé Catholique de Louvain, contiene oggi testi dalle origini della letteratura latina (Livio Andronico, 240 a.C.) fino alle soglie dell’epoca moderna, rappresentando il più ampio database mai offerto agli studiosi. In continuità con l’LLT-A, il Latin Library Texts – B, contiene in formato elettronico testi di cronache, agiografie, racconti di viaggio, testi giuridici, trattati filosofici e scientifici, etc., di vario genere e periodo. Esso si configura come completamento dell’LLT-A, di cui estende i limiti cronologici originariamente impostati e ne potenzia notevolmente l’utilità.

La bipartizione in LLT-A e LLT-B si è avuta a partire dal 2009, a seguito della sostituzione del CLCLT con l’LLT-A, che contiene oggi oltre 63 milioni di parole latine, tratte da più di 3.200 opere attribuite a circa 950 autori, mentre l’LLT-B cresce piuttosto rapidamente e contiene più di 300 testi.

Entrambe le librerie digitali sono patrocinate dal Centre Traditio Litterarum Occidentalium di Turnhout (CTLO) e sottoposte alla direzione di Paul Tombeur.

I testi introdotti nel database sono selezionati tra le migliori edizioni disponibili – ad esempio la Bibliotheca scriptorum Romanorum Teubneriana – e, ove possibile, fissati secondo la migliore pratica accademica contemporanea. Si è tentato infatti di intervenire, quando necessario, sull’autenticità dell’attribuzione all’autore o sulla datazione e di correggere gli errori tipografici rilevati.

Brepolis non è open access, ma gli utenti degli enti convenzionati possono accedere gratuitamente dalla rete di Ateneo o da connessione remota e/o esterna alla LAN dopo aver eseguito la modifica dei dati proxy, secondo le indicazioni dell’Università di appartenenza, nonché l’inserimento dei propri dati personali (mail istituzionale e password).

Dopo aver cliccato su Enter Database si accede a una schermata contenente alcune icone – non tutte consultabili –, tra cui quella dell’LLT-A, dell’LLT-B e dell’Anné Philologique.

Ci occupiamo di seguito dell’LLT-A.

Effettuato l’accesso all’LLT-A, occorre anzitutto scegliere la lingua tra le quattro proposte dall’interfaccia del portale: inglese, francese, tedesco e italiano. Seguono poi quattro modalità di accesso ai testi:

  1. Ricerca rapida;

  2. Schermo di ricerca;

  3. Indice dei testi;

  4. Ripartizione delle forme.

ciascuna dotata di una propria particolarità e finalizzata all’ottenimento di uno specifico risultato.


Punto 1.

La Ricerca rapida consente di ricercare velocemente il lemma o il testo oggetto di interesse inserendo Autore, Opera e Testo. Ad esempio:

Autore: Cicero; Opera: De divinatione; Testo: divinatio

La ricerca così impostata rileva tutte le occorrenze del termine divinatio nel De divinatione di Cicerone, mentre le restanti forme declinate è possibile ricavarle barrando l’opzione ‘ricerca per somiglianza’ che consente al programma di ritrovare nell’opera tutti i termini affini a quello inserito:

Se la ricerca mira invece a individuare le occorrenze del lemma nell’intero corpus dell’autore, basta inserire Autore e Testo e selezionare l’opzione ‘ricerca per somiglianza’. In questo modo il programma trova le occorrenze del termine divinatio (et alia) all’interno di tutte le opere ciceroniane; ne indica il numero totale (118), il totale delle opere in cui il lemma compare (13) e specifica il numero di attestazioni rinvenute per ogni singola opera.

Cliccando poi su una delle opere elencate è possibile consultare direttamente i passi in cui il termine è attestato.

Punto 2.

Lo Schermo di ricerca dispone di una maggiore e più dettagliata quantità di filtri: Epoca, Autore, Titolo, Secolo, Clavis (ossia il numero con cui viene identificata un’opera nella terza edizione del Corpus patrum Latinorum (CPL) di E. Dekker).

L’epoca comprende otto livelli cronologici capaci di coprire un arco temporale molto ampio, che va dall’Antichità, 200 ca a. C., alla produzione latina contemporanea fino al 1965. Ai cinque filtri iniziali:

  • Antiquitas (< ca. 200), contenente le opere dell’antichità classica dalle origini alla fine del secondo secolo;

  • Aetas Patrum I (ca. 200-500) che comprende opere dalla tarda antichità fino al 500;

  • Aetas Patrum II (501-735), per opere composte tra il 501 e la morte del Venerabile Beta;

  • Medii aevi scriptores (736-1500), riferito alla tradizione latina medioevale datata tra il 736 e il 1500;

  • Recentior latinitas (1501-1965), contenente opere composte tra il 1501 e il 1965;

a questi cinque filtri iniziali sono state aggiunte negli anni tre suddivisioni tematiche riguardanti traduzioni dal greco appartenenti a vari periodi:

  • Conciclia oecumenica et generalia Ecclesiae catholicae (plerumque saec. 6-8), che comprende le traduzioni latine di testi parabiblici;

  • Biblia sacra iuxta Vulgatam (ca. saec. 4-5), contenente le traduzioni latine dei testi biblici o Vulgata;

  • Corpus Pseudepigraphorum latinorum Veteris Testamenti (ca. saec. 4-7), che comprende le traduzioni latine dei decreti emanati dai concili ecumenici dell’età patristica, che possono, interamente o in parte, appartenere a secoli diversi.

Una volta inserita l’epoca, occorre selezionare l’autore e il titolo dell’opera (qualora si voglia condurre una ricerca specifica, altrimenti è possibile omettere la segnalazione dell’opera per consentire una ricerca sull’intero corpus letterario dell’autore scelto).

La ricerca del lemma o dei lemmi può avvenire mediante operatori e caratteri jolly:

?: sostituisce 1 carattere, ad esempio: ?olumen


*: sostituisce 0 o più caratteri: voluptat*
+: corrisponde all’operatore ‘AND’: divinatio + fatum
,: corrisponde all’operatore ‘OR’: divinatio, fatum
#: corrisponde all’operatore ‘NOT’: divinatio #fatum

Molto interessante è l’opzione /n: questa stabilisce che “/” è seguito dal numero massimo di parole entro cui si desidera rintracciare un’occorrenza specifica. Ad esempio: /4 divinatio* + fat* rintraccia tutte le parole che iniziano per divinatio e tutte quelle che iniziano per fat-, quando si trovino in prossimità l’una dell’altra e separate al massimo da quattro parole, come nei seguenti esempi:

Cliccando poi su una delle sententiae, è possibile consultare l’intero brano da cui essa è tratta, altresì esportarla mediante l’icona posta in altro a destra che la converte in PDF.

A partire da Schermo di ricerca, altra norma è inserire il termine, o i termini scelti – ad esempio ancora divinatio* – e cliccare, poi, su Risultati/epoca. In questo modo il programma rintraccia il termine selezionato in tutti gli autori e nelle rispettive opere secondo una scansione cronologica; è poi possibile passare da un’epoca all’altra mediante il menu in alto, che scandisce gli otto livelli cronologici precedentemente indicati:

Ogni sententia è associata a un menu, posto a destra, che include: indice dei testi (di cui dopo); memento, che fornisce brevi e schematiche informazioni sull’autore e sull’opera; testo integrale, che restituisce il passo nella sua interezza; esporta in PDF, che consente di trasformare il passo in un documento PDF, nonché di scaricarlo; Anneé philologique, che rinvia alla pagina ufficiale dell’Anneé contenente titoli pertinenti all’autore e all’opera oggetto di ricerca per eventuali e ulteriori indagini.

A sinistra delle sententiae, l’opzione ‘posiziona su’ consente di trascrivere il numero della citazione che si vuole consultare, nonché di cliccare su Autore o su Titolo per poter scorrere più velocemente l’elenco delle occorrenze di autore in autore, di opera in opera, a seconda della preferenza dell’utente. In buona sostanza: se il termine scelto registra – ad esempio – 166 occorrenze e si intende consultare l’occorrenza numero 130, è possibile inserire questo numero in ‘posiziona su’ per raggiungere direttamente la posizione scelta. Se si intende procedere di autore in autore occorre cliccare sulle frecce poste accanto ad Autore. Discorso analogo per Titolo.

Le citazioni di maggiore interesse possono essere selezionate ed esportate in PDF, mediante l’opzione in basso a sinistra Esporta PDF, o inviate via mail.

Punto 3.

L’Indice dei Testi fornisce all’utente la successione in ordine alfabetico di tutti gli autori latini contenuti nel database. Cliccando, ad esempio, sulla C di Cicerone, è possibile selezionare l’autore: Cicero (Marcus Tullius Cicero), nonché l’opera desiderata, ad esempio il De fato, quindi accedere all’opera e consultarla nella sua interezza o nella specificità del singolo paragrafo.

Punto 4.

La Ripartizione delle forme è utile per individuare le concordanze nei testi. Basta cliccare su Epoca, selezionarne una e segnare l’Autore e il Titolo dell’opera che si preferisce (coerenti con il periodo storico scelto), oppure inserire direttamente il lemma nella sezione Forma, ad esempio fatum, e scoprire tutte le occorrenze del termine negli autori del periodo selezionato. Ad esempio, le 230 occorrenze di fatum si riscontrano in: Apuleius, Caesar, Cicero, Cirtius Rufus, Florus, etc. accanto ai quali è indicato il numero esatto di attestazioni. Per esaminare i loci in cui il lemma compare basta cliccare sull’autore e poi sull’opera che si intende consultare; compariranno in basso tutte le concordanze, che è possibile estendere – e contestualizzare – cliccando sull’opzione Maggiori Info.

Sitografia:

Brepolis, http://www.brepolis.net/

Library of Latin Texts, http://www.brepolis.net/pdf/Brepolis_LLT_EN.pdf

Library of Latin Texts – Series A, https://about.brepolis.net/library-of-latin-texts/

Library of Latin Texts – Series A. Database for the western latin tradition. User’s Guide 2018, http://clt.brepolis.net/llta/manuals/manual_en.pdf


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.