Per una proposta di “legalizzazione” degli smartphone (di Antonello Fabio Caterino)

Quadrimestre gennaio-aprile 2019 (15 gennaio)

Di tanto in in tanto sulle pagine dei quotidiani, virtuali o digitali che siano (e qui una riflessione dovrebbe già partire spontanea), si sente parlare di crociate broibizioniste contro l’uso in aula degli smartphone, corruttori della gioventù peggio di Socrate.

Gli studenti – riassumendo il clamore di chi si indigna per convenienza o professione – chini sui loro amichetti in plastica e silicio sarebbero distratti dalle lezioni, perderebbero tutto il loro tempo educativo guardando, ricevendo e condividendo contenuti multimediali stupidi e di cattivo gusto, e sarebbero da essi incitati alla violenza, alla mancanza di rispetto e a ogni nefandezza possibile e immaginabile. Non è un’esagerazione: c’è chi addirittura considera gli smartphone oggetto unicamente costruito allo scopo di filmare atti di bullismo e immetterli in una rete di sadici!

Facciamo un passo indietro: sono quasi certo che il bullismo e la naturale propensione degli studenti a distrarsi durante le lezioni liceali siano precedenti all’introduzione degli smartphone. A quei tempi le colpe le aveva tutte la droga o l’alcolismo giovanile.

Sorge ancor più spontanea una domanda: è come la droga o peggio di essa lo smartphone?

Tante, troppe cose (nota bene: uso la parola ‘cose’ in una notula riflessiva su rivista con codice ISSN senza sentirmi un traditore dell’italico sermone) danno assuefazione, e parlarne in questa sede sarebbe fuori luogo. Mi chiedo invece se lo smarphone danneggi l’organismo quanto drogarsi.

Sono quasi certo che lo smarphone e il web siano consustanziali: poco può, oramai, uno smartphone non connesso ad internet, in tempi in cui fare un foto per non condividerla è davvero insolito, e in cui gli SMS e le semplici chiamate vocali – specie nei giovanissimi – sono decisamente fuori moda.

Lo smarphone è quindi un facile accesso alla rete, molto user friendly, specie per i ragazzini.

Il problema sorge perché, quindi, i pargoli usufruiscono della rete sempre e in ogni momento, anche durante le lezioni? Se sì, ciò è davvero un problema?

Internet è big data per antonomasia: in esso c’è di tutto. Non è necessario ricorrere a categorie filosofiche per rendersi conto che nel tutto c’è anche qualcosa di buono, e qualcosina – addirittura – di molto buono, oltre che tonnellate di inutilità e cose parecchio diseducative. È un po’ come la vita reale: una costante interazione con dati basata sul meccanismo logico della scelta. Anche nella realtà c’è del marcio, ma nessuno si azzarderebbe mai a rendere illegale l’intero vivere.

Perché proibire internet, con la scusa di proibire gli smarphone? Distrae? Non è l’unica cosa! Perché proprio internet? Perché impedire a uno studente di approfondire con una semplice ricerca google-like quel che il professore sta spiegando? Perché non consentirgli di fotografare la lavagna per mandare la lista dei compiti per casa via WhatsApp al compagno malato?

Perché bandire è semplice e sbrigativo, mentre per educare è necessario formare educatori, spendere soldi per mantenere in vita un sistema educativo decente ed impiegare infinite ore di tempo per costruire le persone di un domani che inevitabilmente arriverà, a meno che non sia arrivato già ieri senza che nessuno se ne accorgesse. Insegnare ai ragazzi a interagire con i dati, rafforzarne la consapevolezza digitale e illustrare le potenzialità di uno smarphone, della rete, della tecnologia sarebbe utilissimo. Insegnare digital humanities nelle scuole potrebbe essere un’idea, buona o comunque migliore di proibire gli smarphone trattandoli come droga!


Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.