Note minime sul TLG: brevi cenni sulle ‘origini’ del TLG e piccolo vademecum (di Giovanna Battaglino)

bimestre novembre-dicembre 2018 (31 dicembre)

Per una definizione del TLG, alias Treasury of the Greek Language.

Il TLG si configura come il più importante ed il più noto corpus digitale di testi greci, nonché il più ampio: i testi letterarî greci digitalizzati afferiscono ad un lasso di tempo molto vasto, che va dall’epoca omerica (VIII secolo a.C.) alla caduta di Bisanzio (1453). Il TLG comprende 3300 autori e più di 11.000 opere.

TLG è un acronimo, che sta per Treasury of the Greek Language e che richiama consapevolmente il titolo del lexicon cinquecentesco (Thesaurus Linguae Graeciae) curato dal filologo Henri Estienne (Stephanus 1572). Benché il TLG nasca come progetto di digitalizzazione, ne esiste anche una sorta di edizione a stampa, a cura di Berkowitz-Squitier 1990 (Thesaurus Linguae Graeciae. Canon of Greek Authors and Works). Il corretto modo per citare la versione digitale (come suggerito sul sito del TLG) è il seguente: Thesaurus Linguae Graeciae. Digital Library. Ed. Maria C. Pantelia. University of California, Irvine.

Il maggiore punto di forza del TLG è la (concretizzata) possibilità di combinare le metodologie tradizionali (filologiche e letterarie) con le ITC: i testi greci sono digitalizzati a partire dalle principali edizioni critiche di riferimento (raramente, la versione digitalizzata non ‘proviene’ dalla migliore e più recente edizione critica; ma, talvolta, è possibile anche confrontare edizioni critiche differenti, con ricadute utilissime e rilevanti sul piano filologico) e sono interrogabili proprio sfruttando gli strumenti informatici della textual search e lemmatic search.

Le origini del TLG Project: dall’idea di Marianne McDonald alla versione online.

Il TLG è nato in seno ad uno speciale progetto di ricerca della University of California nel 1972. Tutto nacque da un’idea di Marianne McDonald, grecista ed allieva di Bruno Snell, la quale, dovendo realizzare una tesi relativa al lessico della felicità in Euripide, nel 1971 propose l’elaborazione di un database computerizzato della letteratura greca. Come si legge nella sezione About del sito del TLG – che riporta in maniera dettagliata le principali tappe di questo progetto, che ha cambiato lo studio della letteratura greca (anche valorizzando l’approccio di tipo lessicografico) – «the creation of th TLG came at the end of a long tradition of scholarly efforts to systematically collect and preserve extant Greek literature». Il primo di questi tentativi (o almeno, il primo notevole tentativo di allestimento di un lexicon della lingua greca) fu, appunto, il TLG dello Stephanus, a cui, in particolare nel XIX secolo, specie a seguito di una serie di ritrovamenti papiracei, seguì una serie di lexica sia greci che latini (si pensi, a mero titolo esemplificativio, al Lexicon of the Greek Language a cura di Pickering 1855 e al Lexicon of the Latin Language a cura di Leverett 1850). Lo stesso Snell si interessò a questo tipo di studî e fondò, nel 1953 ad Amburgo, l’Istituto del Thesaurus Linguae Graeciae, la cui mission era quella di studiare la lingua greca arcaica ed i successivi slittamenti semantici, al fine di comprendere lo sviluppo del pensiero greco. L’Istituto pubblicò, fra l’altro, l’edizione del Lexicon für das frühgriechischen Epos e l’edizione dell’Index Hippocraticus.

La prima versione online del TLG è stata resa disponibile nell’aprile del 2001 e consentiva agli utenti la consultazione di risorse bibliografiche e testuali. Ne esiste anche una versione in CD-rom, il miglior programma per consultare il quale è Diogenes (gratuito ed open source); l’ultima versione in CD-rom è il TLG E, realizzato nell’estate del 1999. Tuttavia, la versione in CD-rom da anni non è stata più aggiornata, sicché fa testo la versione online, caratterizzata da un costante arricchimento di digitalizzazioni testuali. La versione online è consultabile tramite abbonamento oppure (nel caso in cui si stia svolgendo un corso di laurea, un dottorato, un perfezionamento et similia) ‘sfruttando’ il proxy dell’Università di riferimento, (qualora suddetta Istituzione – come di norma accade – abbia sottoscritto l’abbonamento annuale). Ad ogni modo,a tal proposito due sono gli aspetti rilevanti: un sub-corpus del TLG (cioè una parte del database) è in open access: si tratta del Canon of Greek Authors and Works (Abridged TLG); inoltre, le funzioni di ricerca offerte dal Canon (Abridged TLG) e dal TLG (full corpus) sono le stesse. Ciò che cambia è la mole dei testi digitalizzati interrogabili; inoltre, va sottolineato che il Canon contiene la digitalizzazione di tutti i testi dei principali autori della letteratura greca, quali, ad esempio, Omero, Esiodo, i tragici, gli oratori. Pertanto, già nella sola versione gratuita il TLG si presenta come un tool di straordinaria importanza ed utilità.

Nel 1972 ci fu la prima planning Conference, alla quale furono invitati classicisti provenienti sia dall’America che dall’Europa. Il contributo più importante fu quello offerto da David W. Packard, inventore dell’Ibycus System, nome dell’hardware e del software usati inizialmente per correggere le digitalizzazioni dei testi greci e per effettuare ricerche nel TLG corpus. Packard creò anche l’Alpha Code, la prima convenzione di codifica e formattazione dei caratteri greci; l’Alpha Code prese successivamente il nome di Beta Code (tutt’oggi usato per la codifica del greco politonico, anche nell’àmbito di importanti progetti, quali il Perseus Project ed il Packard Humanities Institute), che assegna una posizione ASCII a ciascuno dei 24 caratteri dell’alfabeto greco, indicando i segni diacritici con caratteri non alfabetici.

Breves notulae sulle funzioni del TLG.

Il TLG consente anche semplicemente di ‘sfogliare’ un singolo testo (Brows) oppure di visualizzare sinotticamente due testi (Brows two texts); ma, chiaramente, la principale funzione offerta dal TLG è quella di ricerca testuale (nonché lemmatica e sintagmatica) all’interno dell’ampio corpus di testi digitalizzati, sia nell’àmbito del Canon (Abridged TLG) che nell’àmbito del TLG (full corpus). Per fare ciò, occorre dapprima inserire il nome dell’autore, ricordando che i nomi degli autori sono indicizzati in latino (e.g. Sophocles), con la possibilità di precisare l’epiteto geografico (Geographic Epithet) o un eventuale epiteto generico (Generic Epithet) o un altro tipo di epiteto (Non-Standard Gen. Epith.) e naturalmente il secolo di afferenza (Data):

Cliccando sull’icona raffigurante un libro rosso, è possibile visualizzare tutti i riferimenti bibliografici digitalizzati con riferimento a tutte le opere di Sofocle:

A questo punto, occorre selezionare l’autore richiesto (nel caso esemplificato, la ricerca è stata condotta in maniera da avere un unico risultato: Sophocles Trag. Atheniensis), le cui opere compariranno nella sezione My search selection. Prima di procedere alla ricerca testuale (Go to Text search), è possibile de-selezionare alcune opere, nel caso in cui le si voglia escludere intenzionalmente dalla ricerca. (Ad esempio, nel caso esemplificato, si potrebbe pensare di effettuare la ricerca solo nell’àmbito delle tragedie ‘integre’, escludendo, dunque, la produzione ‘frammentaria’.)

È possibile effettuare ricerche non solo per autore, ma anche per editore (e.g. Lloyd-Jones & Wilson), titolo dell’opera – sempre rammentando che anche le opere sono indicizzate in latino – (e.g. Ajax), titolo della pubblicazione (e.g. Sophoclis Fabulae) oppure anche tramite il titolo della serie (e.g. Poetarum Graecorum Fragmenta, Testi a fronte) e per anno di pubblicazione.

La ricerca testuale può essere effettuata a vari livelli:

~ word index: la parola digitata è ‘trattata’ come parte iniziale di un possibile lemma (aggettivo, sostantivo, verbo) da cercare, tenendo conto del fatto che suddetta parola può essere digitata o in Beta Code o in traslitterazione oppure direttamente in caratteri greci, o usando la ‘tastierina’ che il sito mette a disposizione oppure utilizzando la propria tastiera di greco politonico (qualora la si sia già attivata/installata sul proprio pc);

~ lemma: tale funzione consente di ricercare la specifica parola digitata (sia pure variamente declinata/coniugata), che viene dunque considerata come lemma a sé;

~ textual search: ricerca testuale per sintagmi:

Quanto sin qui accennato vale per la ricerca semplice (Search the TLG Corpus – Simple); molto utile è anche la funzione Proximity, che consente di inserire la parola/il lemma/il sintagma cercata/-o con elementi di contesto, vale a dire unitamente a parole che si trovano in sua prossimità. La parola (word index), il lemma (lemma) o il sintagma (textaul search) rappresentano la prima ‘parola’ (first word) ed è possibile precisare se la seconda ed eventualmente la terza si trovino prima (before), dopo (after) o semplicemente in prossimità (near). È anche possibile precisare il numero di parole di ‘prossimità’ (di default, viene suggerito il numero di 5 parole):

Nel caso delle funzioni di ricerca Word index e Textual search è possibile utilizzare particolari metacaratteri (Wildcards) che consentono di precisare se la parola che intendiamo cercare rappresenti, ad esempio, un prefisso o un suffisso o se vogliamo cercarla nella facies nella quale la digitiamo (nel caso di una preposizione, un avverbio, una particella) o ancora se vogliamo cercare non solo la parola digitata, ma anche sue eventuali varianti dialettali:

Il TLG consente anche di salvare le ricerche effettuate (sino ad un massimo di dieci ricerche), ma anche di stampare (printable version) tali risultati.

Tramite la funzione Lexica, il TLG consente di usare anche risorse lessicografiche (lexicographical resources), quali LSJ (The Online Liddel Scott – Jones Greek-English Lexicon), il Middle LS, Cunliffe (A Lexicon of the Homeric Dialect), DGE (Diccionario Griego-Español), Slater (Lexicon to Pindar), Powell (A Lexicon to Herodotus), Trapp-LBG (Lexicon zur byzantinischen Gräzität), Kriaras (Ancient Greek-Modern Greek), Triantifyllides (Dictionary of Standard Modern Greek):

Utilissima è la funzione N-Grams, che consente di identificare passaggi comuni fra due testi dello stesso autore o di autori diversi. Comparando due autori diversi, è possibile precisare le opere all’interno delle quali effettuare la ricerca o se il confronto debba coinvolgere tutte le opere dei due autori in questione. Le sezioni comuni vengono evidenziate in giallo. La comparazione consente anche piccole ‘interpolazioni’ all’interno dei passaggi comuni (se esse compaiono nel testo di partenza):

La comparazione (compare texts) viene effettuata per lemmi, il che vuol dire che sono ‘consentite’ anche differenze di flessione fra i due testi; ma è, altresì, possibile selezionare la funzione wordforms (in luogo della funzione lemma), per individuare solo le esatte ripetizioni di una parola e/o di un sintagma e/o di una intera espressione. Questa interessantissima ed utilissima funzione è resa possibile da un metodo di analisi di tipo statistico, basato sulla distribuzione della frequenza delle lettere (e, più precisamente, dei digrammi e dei trigrammi): si tratta della N-Grams Analysis. Questo tipo di analisi non tiene conto delle Stop-words, che non sono semanticamente significative, né dell’ordine delle parole. Nella comparazione di testi di due autori diversi, l’analisi è basata sui trigrammi e i risultati visualizzati contengono un minimo di due (ed un massimo di quattro) trigrammi. Questa ricerca può presentare difficoltà o non essere fruttuosa nel caso di testi particolarmente brevi, come i frammenti (per alcuni dei quali disponiamo del solo titolo).

Infine, altra sezione utile del TLG è la funzione Statistics, che consente di individuare le parole più ricorrenti o nell’intero corpus del TLG o in uno specifico autore o in una specifica opera o in una specifica serie o in uno specifico secolo. I risultati sono evidenziati anche graficamente, soprattutto tramite istogrammi:

Credo che già da queste brevi note – che, naturalmente, non hanno alcuna pretesa di esaustività – emerga lo straordinario potenziale di uno strumento come il TLG, divenuto oramai insostituibile per gli studi letterari, filologici, lessicografici sui testi greci.

Bibliografia dei lavori citati

Berkowitz-Squitier 1990 =

L. Berkowitz and K. A. Squitier, Thesaurus Linguae Graeciae. Canon of Greek Authors and Works (3rd edition), Oxford University Press 1990.

Leverett 1850 =

A new and copious Lexicon of the Latina Language: compiled chiefly from the Magnum totius latinitatis lexicon of Facciolati and Forcellini, and the German works of Scheller and Luenemann, edited by F. P. Leverett, vol. 1, Boston 1850. – link per il dowload del lexicon (vol. 1) in pdf: < https://archive.org/details/newcopiouslexico00leveuoft/page/n7>

Pickering 1855 =

J. Pickering, A comprehensive Lexicon of the Greek Language, Boston 1855. – link per il download del lexicon in pdf: <https://archive.org/details/12487584.1705.emory.edu/page/n3>

Stephanus 1572 =

ΘΗΣΑΥΡΟΣ ΤΗΣ ΕΛΛΗΝΙΚΗΣ ΓΛΩΣΣΗΣ. Thesaurus Graeciae Linguae ab Henrico Stephano constructus 1572. – link per il download del Thesaurus in pdf: <https://books.google.it/books?id=IXFpAAAAcAAJ&hl=it&pg=PA1#v=onepage&q&f=false>

Sitografia

* ASCII (s.v.) in GloDIUm: <https://fri.hypotheses.org/glossario-di-informatica-umanistica>

* Beta Code (s.v.), in Wikipedia: < https://en.wikipedia.org/wiki/Beta_Code>

* Biblioteca digitale (s.v.) in GloDIUm: < https://fri.hypotheses.org/glossario-di-informatica-umanistica>

* Diogenes (software): < http://community.dur.ac.uk/p.j.heslin/Software/Diogenes/>

* Filologia digitale (s.v.) in GloDIUM: < https://fri.hypotheses.org/glossario-di-informatica-umanistica>

* Packard Humanities Institute (s.v.), in Wikipedia: < https://en.wikipedia.org/wiki/Packard_Humanities_Institute>

* Packard Humanities Institute (official website): < https://packhum.org/>

* Perseus Project (s.v.), in Wikipedia: < https://en.wikipedia.org/wiki/Perseus_Project>

* Perseus Project (official website): < http://www.perseus.tufts.edu/hopper/>

* Snell, Bruno (s.v.) in Treccani, Enciclopedia italiana – V appendice (1994): < http://www.treccani.it/enciclopedia/bruno-snell_%28Enciclopedia-Italiana%29/>

* TLG (ultima versione digitale del TLG: Thesaurus Linguae Graeciae. Digital Library. Ed. Maria C. Pantelia. University of California, Irvine): < http://stephanus.tlg.uci.edu/>

* TLG (sub-corpus del) in open access: Canon of Greek Authors and Works (Abridged TLG): <http://stephanus.tlg.uci.edu/Iris/canon/csearch.jsp>

* TLG, Istituto del (s.v.) in Wikipedia: <https://it.wikipedia.org/wiki/Thesaurus_Linguae_Graecae_(Amburgo)>

* Thesaurus Linguae Graeciae (s.v.), in Wikipedia: < https://en.wikipedia.org/wiki/Thesaurus_Linguae_Graecae>

* Thesaurus (s.v.) in GloDIUm: < https://fri.hypotheses.org/glossario-di-informatica-umanistica>


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.