Glossario di informatica umanistica (GloDIUm)

Glossario di Informatica Umanistica (GloDIUm)

a cura di Antonello Fabio Caterino, Marco Petolicchio, Marcello Bolpagni.

Ogni voce è seguita dal nome dell’autore, posto tra parentesi quadre.

ISBN 978-88-942416-9-3, Edizioni Clori

Collana La “Ruota dei libri”: corpora, repertori e dizionari online

++PAGINA IN COSTRUZIONE – WORK IN PROGRESS++

 

Archivio

[assegnato a Concetta Damiani]

ASCII

ATOM

Biblioteca digitale

Big data

Browser

Cookies

Corpus

(lat.) plur. corpora

Genericamente, un corpus è un insieme di testi rappresentativi di un certo ambito. In ambito digitale, il termine ha un significato specifico: insieme di testi (orali, scritti o multimediali) disponibile su supporto elettronico digitale – online o da terminale – divisi singolarmente nelle loro unità minime (dette token), annotati secondo le convenzioni di un linguaggio detto di mark-up (il più diffuso è XML, per gli scopi delle DH nello standard TEI) e interrogabili attraverso un’interfaccia pensata per introdurre stringhe di caratteri od operatori logici. L’annotazione permette alla macchina di interpretare il testo secondo le sue specificità testuali (es. prosa o verso). I Corpora sono uno strumento di studio della Linguistica cosiddetta dei corpora, basata su testi giudicati autentici e rappresentativi; tuttavia è interessante notare come, posizione ben argomentata da Francesco Sabatini, la linguistica italiana abbia sempre avuto un approccio basato su Corpora testuali, pur se non digitale, fin dai tempi del Dizionario della Crusca.

Esempio: CT – Corpus Taurinense (direzione: Manuel Barbera): un corpus di testi in fiorentino del secondo Duecento molto annotato.

[Flavia Sciolette]

Crowdsourcing

CSS

Data visualization

Database

(ingl. Acronimo: DB)

sinonimi: base di dati, banca dati; fr. base de données

Un database è una collezione di dati omogenei per contenuto e formato, organizzati secondo una determinata struttura, scelta da chi sviluppa il progetto (es. il modello relazionale, uno dei più diffusi nell’ambito della progettazione). Un DB è solitamente interrogabile da un’interfaccia visuale da schermo – online o da terminale – pensata per introdurre stringhe di caratteri od operatori logici: un linguaggio di interrogazione per DB è detto query language (linguaggio di ricerca). La classe di software per la creazione e la gestione dei DB è detta DBMS (Database Management System); uno dei più diffusi e maggiormente supportati è l’open-source Mysql, rilasciato dalla Oracle.

Esempio: BEDT – Bibliografia Elettronica dei Trovatori (Direzione Scientifica: Stefano Asperti, Direzione tecnica: Luca De Nigro) una base di dati su modello relazionale dedicata alla poesia provenzale.

[Flavia Sciolette]

Dato

DOI

DTD

[Assegnato ad Alessia Marini]

EAD

Esperienza utente (UX)

Feed RSS

Filologia digitale

FTP

GIT

Gold Open Access

Si dice che una sede scientifica pubblica in gold open access quando i singoli contributi di ogni autore – una volta editi – sono liberamente e immediatamente disponibili online.

Sitografia di riferimento: http://biblioteca.bo.cnr.it/index.php/it/open-access/pubblicare-oa/item/272-gold-road

[Antonello Fabio Caterino]

Green Open Access

Si parla di green open access quando l’autore contribuisce a diffondere il proprio contributo immettendolo in repository (istituzionali e non) liberamente consultabili. È possibile che alcuni editori vietino espressamente questa pratica, e che dunque siano caricate online versioni pre-print o post-print.

Sitografia di riferimento: http://biblioteca.bo.cnr.it/index.php/it/open-access/pubblicare-oa/item/271-green-open-access

[Antonello Fabio Caterino]

Hidden web

HTML

Informazione

Interfaccia utente (UI)

Ipertesto

Javascript

Link

Linked data

Machine learning

Markup

Si tratta di uno dei due sistemi di elaborazione del testo elettronico: si contrappone al WYSIWYG (what you see is what you get) e, per via delle sue caratteristiche, non è legato ad un determinato tipo di programma che ne garantisca la lettura. In italiano il termine si può tradurre con linguaggio di marcatura o di codifica. Permette di descrivere la struttura, composizione, impaginazione del testo (o di qualsiasi altro file di contenuto) attraverso comandi visibili (sequenze di caratteri ASCII) immessi nel file di testo.

Se ne possono distinguere due tipi: procedurali (basati su un linguaggio specifico) e dichiarativi (basati su un linguaggio generico. Il primo consiste in un insieme di istruzioni operative che indicano localmente la struttura tipografica e compositiva della pagina. Viene così definito perché indica alla macchina le procedure di trattamento a cui sottoporre i file di testo. Ha come obiettivo principale l’aspetto tipografico del documento. Il secondo, invece, ha come obiettivo la descrizione della struttura astratta del documento in cui i simboli al posto che indicare il trattamento tipografico della pagina ne identificano le strutture interne (paragrafi, etc.). Entrambi utilizzano un sistema di tag (marcatori) che identificano le parti del discorso all’interno del file di testo ma solo i linguaggi di tipo dichiarativo si occupano di identificarne le qualità logiche e non tipografiche. Questo sistema di marcatori viene sempre utilizzato in una forma gerarchizzata che dall’elemento più grande da definire giunge fino al più piccolo.

I linguaggi di markup sono lo strumento standard per lo sviluppo di oggetti digitali. Il capostipite di questi linguaggi è SGML (Standard Generalized Markup Language) creato nel 1986 da Charles Goldfarb e risultato tanto funzionale da diventare lo standard ISO (International Standard Organization) per la codifica dei testi. Ad oggi, nell’ambito dell’informatica umanistica lo standard è il linguaggio di markup TEI (Text Encoding Initiative) basato sullo standard XML (eXstensible Markup Language).

[Antonio Marson Franchini]

Metadatabase

Metadato 

[assegnato a Concetta Damiani]

Metatesto

Microtesco

Motore di ricerca

Namespace

Natural Language Processing (NLP)

Oggetto digitale 

si definisce oggetto digitale qualsiasi testo, documento, immagine, audio/video, ipertesto o base di dati che venga archiviato in una memoria di massa attraverso una codifica che lo renda comprensibile alla macchina e restituibile all’utente umano. La codifica avviene, a causa della sua natura informatica, attraverso il codice binario e un linguaggio (Unicode o ASCII tra i più usati) che rendano l’informazione intellegibile alla macchina. Sua caratteristica peculiare è di essere un’entità composta in modo inserparabile da uno o più file di contenuti e i loro metadati uniti, fisicamente e/o logicamente tramite l’uso di un digital wrapper, un connettore digitale. Si tratta quindi, in definitiva, dell’associazione del dato e del suo metadato che concorrono a rendere quella sequenza di bit, comprensibile dalla macchina, significante, individuabile e accessibile per la fruizione, l’archiviazione, la conservazione, la disseminazione e le altre operazioni gestionali. L’oggetto digitale può nascere direttamente digitale o aver subito una trasformazione in formato digitale. A sua volta questa entità composita può essere oggetto di un ulteriore livello di specificazione che la distingue in oggetti digitali semplici e complessi. Secondo il glossario della California Digital Library, i primi sono composti da un unico file di contenuto (e dalle sue varianti di formato e forme derivate) e dai suoi metadati mentre secondi sono composti da due o più file di contenuto (e dalle loro varianti di formato e forme derivate) e dai metadati corrispondenti.

L’oggetto digitale possiede inoltre come caratteristica la difficoltà di conservazione per diversi motivi, due in particolare: il degrado del supporto fisico (floppy disc e CD ad esempio) e l’obsolescenza degli standard di codifica utilizzati all’atto della creazione dell’oggetto digitale. È per questi due motivi che l’oggetto digitale deve essere affrontato come: oggetto fisico, oggetto logico, oggetto concettuale, collezione di elementi. Tutti questi aspetti devono essere tenuti in considerazione all’atto di creazione dell’oggetto digitale perché tutti questi devono essere oggetto della conservazione sia singolarmente che in relazione tra loro.

Da questa sommaria descrizione si comprende che, parlando di oggetto digitale, non ci si riferisce a un elemento definito ma, più precisamente ad una categoria di oggetti che possono presentare caratteristiche molto diverse fra loro ma che hanno un unico punto in comune, la necessità di essere archiviate attraverso l’impiego di memorie di massa.

Bibliografia:

  • Tomasi, Metodologie informatiche e discipline umanistiche, Carocci, Roma, 2008.
  • Numerico, A. vespignani, Informatica per le scienze umanistiche, Il Mulino, Bologna, 2003.
  • Fiormonte, T. Numerico, F. Tomasi, L’umanista digitale, Il Mulino, Bologna, 2010.
  • Sebastiani, Il “documento digitale”: analisi di un concetto in evoluzione, «Digitalia» anno III (2008), n. 1.

Sitografia:

[Antonio Marson Franchini]

Ontologia

Ingl. Ontology, fr. Ontologie

Ontologia è un termine mutuato dalla filosofia, che in informatica assume il significato di “rappresentazione di una forma di conoscenza o parte del mondo” da modellare in un programma (“dominio”). Nei sistemi di condivisione della conoscenza, l’ontologia ha il compito di rappresentare “le cose che esistono” in un determinato dominio concettuale, distinguendo i concetti (concettualizzazione), definendoli e indicando il sistema di relazioni entro le quali interagiscono (specificazione). Le ontologie sono importanti per il Web Semantico, in quanto permettono di cercare i concetti piuttosto che stringhe dei caratteri e perché creano una relazione tra il contenuto e altre fonti di conoscenza. Il linguaggio solitamente utilizzato è OWL (Ontology Web Language), basato sulla sintassi XML.

Esempio: Clavius (Istituto di Linguistica Computazionale Zampolli di Pisa) un insieme di manoscritti digitalizzati conservati presso l’Archivio Storico della Pontificia Università Gregoriana, relativi a Christophorus Clavius (1538-1612), matematico ed astronomo gesuita. I concetti (terminologia ed entità di dominio) formano un’ontologia legata a risorse già disponibili in Rete.

[Flavia Sciolette]

OPAC

Open Access

Open Data

Open knowledge

Open source

ORCID

Paratesto

Definizione

Il concetto di paratesto appartiene alla teoria della letteratura e fu introdotto dal critico francese Gérard Genette. Secondo il vocabolario della lingua Italiana Garzanti il paratesto è l’insieme degli elementi accessori e complementari di un testo a stampa, come il titolo, l’introduzione, le note, ed anche l’insieme delle caratteristiche editoriali e tipografiche. L’Enciclopedia Treccani on-line aggiunge che il termine deriva dal francese paratexte ed indica l’insieme di produzioni, verbali e non verbali, sia nell’ambito del volume (il nome dell’autore, il titolo, una o più prefazioni, le illustrazioni, i titoli dei capitoli, le note), sia all’esterno del libro (interviste, conversazioni, corrispondenze, diari), che accompagnano il testo vero e proprio e ne guidano il gradimento e, aggiungiamo, la comprensione del pubblico.

Genette teorizza la nozione di paratesto in Seuils, Paris, Seuil, 1987 (edizione italiana a cura di Camilla Maria Cederna, Soglie. I dintorni del testo, Torino, Einaudi, 1989).

Etimologia

Secondo il Vocabolario on-line Treccani il termine paratesto è formato dalla preposizione greca para- (vicino, affine, contrapposto) e dal sostantivo testo (dal latino textus, tessuto, da texere, tessere, intrecciare) sul modello del francese paratexte.

Parti

Il genere paratesto viene suddiviso in base alla sua ubicazione in peritesto ed epitesto.

Peritesto

Il peritesto si trova nello spazio dell’opera, con una funzione paratestuale quasi esclusivamente di presentazione, di indirizzo e di commento. È il nucleo del paratesto, ha forma e, generalmente, posizioni fisse: all’inizio (frontespizi, titoli, dediche, epigrafi, prefazioni), in margine (note, chiose) e alla fine del testo (postfazioni, tavole, appendici).

Appartengono al genere peritesto anche gli elementi direttamente dipendenti dall’editore: il formato e la composizione grafica, la collana, la copertina, le pagine bianche del volume all’inizio e alla fine del libro (sguardie o risguardi: separano il blocco delle pagine dalla copertina e lo tengono ad essa legato), l’occhiello (pagina che riporta il titolo del libro, se posta prima del frontespizio, o il titolo di un capitolo o simili, se posta all’interno), le pagine 4-5-6 con le ulteriori indicazioni editoriali, il frontespizio (pagina all’inizio del libro, nella quale sono indicati l’autore, il titolo, le note tipografiche), il colophon nelle pagine finali (nei libri moderni la formula “finito di stampare” con i dati d’obbligo: la data, il luogo di stampa, il nome dello stampatore e altre notizie simili alla fine dell’opera), la composizione tipografica, la qualità della carta. Vengono classificati come peritesti anche il nome dell’autore, il titolo dell’opera, le dediche e le epistole dedicatorie, le epigrafi (le citazioni in margine al testo, per esempio all’inizio del volume o dei capitoli), le prefazioni e le postfazioni, gli intertitoli (i titoli di capitoli o tomi o sezioni), le note. Infine è considerato peritesto il cosiddetto prière d’insérer, paratesto della consuetudine editoriale francese, un breve prospetto dell’opera, spedito ai direttori dei giornali allo scopo di pubblicarlo, una specie di pubblicità, e poi evolutosi in varie forme, fino all’odierno riassunto nella quarta pagina di copertina.

Epitesto

L’epitesto è qualsiasi elemento paratestuale non contiguo, ma comunque in relazione al testo: tutto quello che un autore dice o scrive nella sua vita o sul mondo che lo circonda può avere un carattere paratestuale.

L’epitesto si distingue in pubblico e privato. Appartengono al primo genere l’epitesto editoriale con funzione promozionale (pubblicità, inserzioni), l’allografo ufficioso (recensioni, interventi critici), l’epitesto autonomo (le risposte e i commenti pubblici dell’autore) o mediatizzato (interviste, convegni, occasioni pubbliche di rapporto con l’autore).

L’epitesto privato è rivolto ad una persona, che si interpone tra l’autore e il pubblico e può essere un corrispondente, un confidente o anche l’autore stesso. L’epitesto privato si suddivide in confidenziale, quando è rivolto a un confidente, ed intimo, se il destinatario è l’autore stesso.

Teoria retorica

In “Der humanistische Geleittext als Paratext – am Beispiel von Brants Beigaben zu Tennglers Layen Spiegel” Joachim Knape include nel paratesto il testo di presentazione umanistico, che aumenta il valore del testo introdotto. A nostro parere confermano questa intepretazione per esempio anche le lettere dedicatorie erasmiane del De copia verborum ac rerum.

In “Powerpoint in rhetoriktheoretischer Sicht” Knape analizza la produzione del testo per Powerpoint in base alla teoria retorica della progettazione testuale: il testo di Powerpoint viene considerato come paratesto oppure come testo centrale. In quanto paratesto, funge da compendio (Kondensat), da complemento (Korrelat) e da illustrazione (Illustrat) del testo centrale. Come testo centrale il testo di Powerpoint rappresenta anche la ricerca di una soluzione a due canali: acustico, la lettura dell’oratore, ed ottico, la lettura muta del pubblico.

Bibliografia

http://www.garzantilinguistica.it/ricerca/?q=paratesto

http://www.treccani.it/vocabolario/paratesto/

Joachim Knape, “Der humanistische Geleittext als Paratext – am Beispiel von Brants Beigaben zu Tennglers Layen Spiegel” in Ulrich Tenglers Laienspiegel. Ein Rechtsbuch zwischen Humanismus und Hexenwahn, Herausgegeben von Andreas Deutsch im Auftrag der Heidelberger Akademie der Wissenschaften, Akademie der Wissenschaften des Landes Baden-Württemberg, Universitätsverlag Winter, Heidelberg, 2011; “Powerpoint in rhetoriktheoretischer Sicht”, in Bernt Schnettler, Hubert Knoblauch (Hg.), Powerpoint-Präsentationen. Neue Formen der gesellschaftlichen Kommunikation von Wissen, UVK Verlagsgesellschaft mbH, Konstanz, 2007.

Nicola Zingarelli, Lo Zingarelli 1995. Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli, Dodicesima edizione a cura di Mirco Dogliotti e Luigi Rosiello, Bologna, Zanichelli, 1995.

[Cristiano Rocchio]

PHP

Programmazione

Protocollo

Python

RDF

Repository

Scholar

Scientific blogging

Scopus

Self archiving

Server

SGML

Social media

Speech-to Text (STT)

Tassonomia

TEI

Text-to Speech (TTS)

Thesaurus

Tipo (di dato)

Trattamento Automatico del Linguaggio (TAL)

Unicode

URL

Utente

Web Semantico

WordPress

XSLT

[Assegnato ad Alessia Marini]

XML

[Assegnato ad Alessia Marini]