Glossario di informatica umanistica (GloDIUm)

 

a cura di Antonello Fabio Caterino, Marco Petolicchio, Marcello Bolpagni.

Ogni voce è seguita dal nome dell’autore, posto tra parentesi quadre.

ISBN 978-88-942416-9-3

 Edizioni CLORI

Collana La “Ruota dei libri”: corpora, repertori e dizionari online

++ WORK IN PROGRESS ++

 

Archivio

Il termine archivio può avere numerose accezioni: rimandare a un’istituzione; a un’organizzazione; ad un luogo che ospita uno o più complessi documentali; al materiale documentale prodotto da uno specifico soggetto (magistrature, organi e uffici centrali e periferici dello Stato; enti pubblici; istituzioni private, famiglie o persone).

Focalizzando l’attenzione sull’ultima definizione, l’archivio è «il complesso dei documenti prodotti e acquisiti da un soggetto nell’esercizio delle sue attività». La natura del soggetto produttore si riflette nella tipologia d’archivio, caratterizzata poi da fattori quali l’ordine interno, la rilevanza giuridica, le modalità di formazione e sedimentazione.

Come scrive Monica Grossi: «preme sottolineare come elemento distintivo di qualunque archivio la sua natura organica, il suo essere costituito da più oggetti (i documenti) legati tra loro da relazioni complesse (espresse nel vincolo archivistico che lega le singole parti al tutto) e fondamentali per la piena comprensione di questo bene culturale vulnerabile e multiforme, crocevia di interessi pratici, giuridici e storici di una comunità eterogenea e diacronica».

Il trattamento e la cura degli archivi non possono inoltre prescindere dalle recenti modalità di produzione documentaria che con l’introduzione dei documenti digitali, che si è andata affiancando ai documenti cosiddetti analogici, ha modificato dai punti di vista amministrativo, normativo, tecnologico e culturale i rapporti tra supporto e testo del documento, tra forma e contenuto, oltre a incidere sulle relazioni tra i documenti e i loro autori e i processi di formazione, gestione e conservazione degli archivi.

Indipendentemente dal formato e dal supporto, comunque, la nostra teoria archivistica distingue tre fasi nel ciclo vitale dell’archivio: corrente, deposito e storico, cui corrispondono sul piano operativo ben precise e distinte attività. Giova sottolineare  che questa distinzione ha un valore meramente operativo ma non serba alcuna rilevanza sul piano teorico: il valore storico, e quindi l’interesse culturale del documento nasce sin dal formarsi degli archivi e coesiste sin dall’inizio con il fine pubblico di garantire la certezza del diritto.

La fase corrente è quella in cui l’archivio si forma e si organizza attraverso la produzione e la ricezione dei documenti e la formazione delle unità archivistiche. In questo stadio si perseguono fini di efficienza, garanzia del diritto e trasparenza amministrativa ma si impostano anche i presupposti per la tutela della futura memoria del soggetto produttore. Nell’archivio di deposito confluisce la documentazione che ha terminato la sua fase attiva e che, pur non risultando più necessaria all’espletamento dell’attività quotidiana, conserva interesse dal punto di vista operativo e non è ancora pronta ad essere destinata ad un uso prevalentemente culturale. L’archivio storico infine accoglie la documentazione relativa ad affari  esauriti da almeno trent’anni. Tale documentazione, svuotata dalle esigenze di servizio, è destinata a conservazione permanente e alla consultazione a fini di studio e a fini culturali.

Questo collaudato modello è però oggetto di riflessione: le particolari caratteristiche degli archivi digitali  impongono infatti un ripensamento della tradizionale articolazione del ciclo vitale e una nuova e particolare

attenzione da destinare alla progettazione dei sistemi documentari e alla definizione dei requisiti descrittivi finalizzati alla gestione, alla selezione e alla conservazione dei documenti.

L’archivio inoltre è andato assumendo, sempre più nettamente, nuovi significati: è “luogo” di per sé simbolico di un passato collettivo, insieme di documenti-fonte per la riappropriazione da parte di singoli cittadini di tratti della loro storia individuale o per la rivendicazione di diritti alla trasparenza, all’informazione, alla tutela della privacy.

Gli stessi archivisti hanno sentito la necessità di rendere sempre maggiormente accessibile il patrimonio archivistico, superando la cerchia degli addetti ai lavori e delle funzionalità di mera ricerca scientifica. Tale esigenza ha trovato prime forme di esplicitazione nelle mostre documentarie per poi allargarsi ai laboratori didattici, a quelli di scrittura narrativa e a quelli di teatralizzazione documentale, nonché all’istituzione di musei aggregati agli archivi.

Bibliografia:

Carucci P., Guercio M., Manuale di archivistica, Carocci, Roma, 2008

Duranti L., Il documento archivistico, in L. Giuva e M. Guercio, Archivistica. Teorie, metodi, pratiche, Roma, Carocci, 2014, pp. 19-33

Grossi M., L’archivio in formazione, in L. Giuva e M. Guercio, Archivistica. Teorie, metodi, pratiche, Roma, Carocci, 2014, pp. 35-52

Valacchi F., Diventare archivisti, Milano, Editrice Bibliografica, 2015

 

Sitografia:

http://www.archivi.beniculturali.it/index.php/abc-degli-archivi/glossario

https://www.ica.org/en

http://www.icar.beniculturali.it/index.php?id=2

http://www.lombardiabeniculturali.it/archivi/glossario/

[Concetta Damiani]

ASCII

[assegnato ad Alessia Marini]

ATOM

Biblioteca digitale

L’espressione “biblioteca digitale” – come sottolinea Faba Pérez (1999) – si configura come un “concetto ambiguo, come la maggior parte dei concetti che si pongono in relazione con la tecnologia e con le informazioni”. A lungo, il concetto di “biblioteca digitale” è stato connesso a quello di “biblioteca virtuale” (cfr. Basili-Pettenati 1994).

Ad oggi, non esiste una definizione univoca, giacché molteplici sono gli approccî, muovendo dai quali si è provato a definire una biblioteca digitale; fra essi è possibile annoverare, accanto ad un approccio prettamente informatico (che valorizza la dimensione della digitalizzazione), l’approccio seguìto dalla biblioteconomia (che valorizza quanto attiene alla fruizione ed alla organizzazione documentaria), nonché numerosi approcci di ricerca, sovente legati a specifici progetti di digitalizzazione.

La prima definizione è stata elaborata dalla Borgman (1993), che definisce la biblioteca digitale come una “struttura”, nella quale si combinano ed interagiscono un “servizio”, una “architettura di rete”, un insieme di “risorse informative” – costituite da banche-dati testuali e numeriche, immagini statiche o dinamiche –, nonché un insieme di strumenti per localizzare e reperire informazioni. La studiosa, in un successivo contributo (Borgman 1999; ma cfr. anche Borgman 2000 e 2003 ), riprende e precisa tale definizione, descrivendo la biblioteca digitale sia come “estensione e potenziamento dei sistemi di conservazione delle informazioni” (in quanto “set di risorse elettroniche e competenze tecniche, finalizzate alla creazione, alla ricerca e all’uso delle informazioni), sia come “estensione e potenziamento di tutti i luoghi atti a conservare, organizzare e diffondere informazioni”, quali musei, biblioteche, archivi, scuole, laboratori. È evidente che la definizione di biblioteca digitale rechi con sé, da un punto di vista concettuale, sia un aspetto informativo-digitale/strumentale che un aspetto più propriamente informativo-sociale.

Tra le prime definizioni va annoverata quella elaborata dalla Digital Library Federation (DLF, 1998), ancora chiaramente orientata su una dimensione biblioteconomica: “le biblioteche digitali sono organizzazioni che forniscono risorse, compreso il personale specializzato, per selezionare, organizzare, interpretare, distribuire, preservare l’integrità delle collezioni digitali, assicurandone la persistenza nel tempo, sì che esse possano essere prontamente ed economicamente accessibili per essere usate da una specifica comunità o da una serie di comunità”. Tale definizione è stata successivamente (DLF, 2014) ripresa ed ampliata.

Le successive formulazioni definitorie – quali quella di Oppenheim-Smithson (1999) e di Arms (2000) –, al contrario, puntano soprattutto alla valorizzazione della dimensione informativa. Pertanto, la biblioteca digitale è concepita sostanzialmente come “sistema informativo”, le cui “risorse”, disponibili in formato digitale, possono essere acquisite, archiviate, conservate/preservate, recuperate, attraverso il ricorso alle “tecnologie digitali”.

Una prima definizione più articolata è quella proposta da Marchionini-Fox (1999), i quali affermano che “il lavoro di una biblioteca digitale si realizza in uno ‘spazio’ determinato dalla convergenza di quattro dimensioni: comunità (di utenti), tecnologia, servizi e contenuti”. La dimensione comunitaria poggia sul bisogno tipicamente umano di cercare informazioni per conoscere e per comunicare; la dimensione tecnologica fa riferimento ai progressi tecnologici, che hanno trasformato anche il modo di conservare e condividere le informazioni; per quanto concerne i servizi, i due studiosi fanno riferimento alla facilitazione nel reperire informazioni, anche attraverso l’aiuto in linea; infine, la dimensione contenutistica consta dei documenti cercati, che possono presentarsi in varie forme/media.

Anche in Italia il concetto di “biblioteca digitale” (che ha cominciato ad affermarsi non prima della fine degli anni ’90) comincia a divenire noto soprattutto in relazione alla sua dimensione “strutturale”: in Italia, il sintagma è stato introdotto da Malinconico (1998), il quale parla di “nuova infrastruttura dell’informazione”.

Successivamente anche il dibattito italiano relativo all’ontologia di una biblioteca digitale si concentra sulla dimensione informativa, come emerge dalla definizione offerta da Salarelli-Tammaro (2000): “la biblioteca digitale è uno spazio informativo in cui le collezioni digitali, i servizi di accesso e le persone interagiscono a supporto del ciclo di creazione, preservazione, uso del documento digitale”. Naturalmente, tale “spazio” è caratterizzato da una specifica organizzazione, funzionale alla dimensione informativa, come emerge dall’ampia definizione elaborata da Ciotti-Roncaglia (2002), che descrivono la biblioteca digitale come una “collezione di documenti digitali strutturati (sia prodotti mediante digitalizzazione di originali materiali, sia realizzati ex novo), dotati di un’organizzazione complessiva coerente di natura semantica e tematica, che si manifesta mediante un insieme di relazioni interdocumentali e intradocumentali e mediante un adeguato apparato meta-informativo”.

Nel 2005, la Tammaro propone una definizione – per così dire – ‘problematizzata’: la studiosa sottolinea che perché una biblioteca digitale sia tale (e sia efficace) non basta la conversione digitale della documentazione cartacea, ma occorre la concomitanza di una serie di elementi, quali la presenza di un preciso punto di accesso alle risorse digitali in rete, la definizione di una chiara finalità di servizio (mission), la dichiarazione di una precisa politica di sviluppo della collezione digitalizzata, l’adeguatezza dell’organizzazione dell’informazione digitale resa disponibile e la presenza di nuovi servizi d’accesso, che facilitino l’utenza nella fase di ricerca.

Pur nella varietas e nella problematicità delle definizioni proposte, è, senza dubbio, possibile trarre alcune conclusioni, che mirano non ad ‘imbrigliare’ il concetto di “biblioteca digitale”, ma ad enuclearne gli aspetti imprescindibili. È evidente che il concetto di “biblioteca digitale” non implichi una semplice trasposizione digitale di una biblioteca reale. Essa è funzionale ad offrire ad una comunità di utenti più o meno ampia, per il tramite delle tecnologie informatiche, un contenuto culturale di validità scientifica. Ciò è posto in atto grazie alla sinergia di “assi strategici”, quali la digitalizzazione, la tesaurizzazione (ed organizzazione) digitale e l’accessibilità on-line.

Bibliografia

Arms 2000 =

Arms, M. Y., Digital Libraries, Cambridge 2000.

Basili-Pettenati 1994 =

Basili, C. – Pettenati, C., La biblioteca virtuale, Milano 1994.

Borgman 1993 =

Borgman, C. L., National electronic library report, in Sourcebook on Digital Libraries: report for the national science foundation (ed. E. A. Fox), Blacksbourg 1993, 126-147.

Borgman 1999=

Borgman, C. L., What are digital libraries? Competing visions, in «Pergamon. Information Processing and Managment» 35 (1999), 227-243.

link: https://pdfs.semanticscholar.org/d0e6/90b74b3b9513d9d1f97cf366e31a3920a4bf.pdf

Borgman 2000 =

Borgman, C. L., Digital libraries and the continuum of scholarly communication, in «Journal of Documentation» 56, 4 (2000), 412-430.

Borgman 2003 =

Borgman, C. L., The invisible library: paradox of the global information infrastructure, in «Library trends», 51, 4 (2003), 652.

Ciotti-Roncaglia 2002 =

Ciotti, F. – Roncaglia, G., Il mondo digitale: introduzione ai nuovi media, Roma-Bari 2002.

Faba Pérez 1999 =

Faba Pérez, C., Bibliotecas digitales: concepto y principales proyectos, in «Investigación Bibliotecológica» 13, 26 (1999), 64-78.

Malinconico 1998 =

Malinconico, S. M., Biblioteche digitali: prospettive e sviluppo, in «Bollettino AIB. Rivista Italiana di biblioteconomia e scienze dell’informazione», vol. 38, 3 (1998).

link: http://bollettino.aib.it/article/view/8394/7498

Marchionini-Fox 1999 =

Marchionini, G. – E. A. Fox, Progress towards digital libraries: augmentation through innovation, in «Information processing and managment» 35, 3 (1999), 219-225.

link: https://ac.els-cdn.com/S0306457398000582/1-s2.0-S0306457398000582-main.pdf?_tid=25a411f0-fe0b-11e7-9e69-00000aacb35d&acdnat=1516471137_5866310621e56d197c1a9a06dce0917d

Oppenheim-Smithson 1999 =

Oppenheim, C.-Smithson, D., What is the hybrid library?, in «Journal of Information Science» 25,2 (1999), 97-112.

Salarelli-Tammaro 2000 =

Salarelli, A. – Tammaro, A. M., Biblioteca digitale, Milano 2000.

Tammaro, A. M., Che cos’è una biblioteca digitale?, in «Digitali Web. Rivista del Digitale nei Beni Culturali», vol. 1 (2005),  http://digitalia.sbn.it/article/view/325/215

Sitografia

* BNCF (Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze), definizione di “Biblioteche Digitali”: http://thes.bncf.firenze.sbn.it/termine.php?id=30683

* DLF (Digital Library Federation), definition of “Digital Libraries” (1998): https://old.diglib.org/about/dldefinition.htm

* DLF (Digital Library Federation), Expanding the definition of “Digital Library” (2014):  https://www.diglib.org/?s=definition+of+digital+librar

* ICCU, Studio di fattibilità per la realizzazione della Biblioteca Digitale: http://www.iccu.sbn.it/upload/documenti/BDI-SDF.pdf (sezione prima); http://www.iccu.sbn.it/upload/documenti/BDI-SDF-Prog.pdf (sezione seconda).

* Treccani, s.v. Biblioteca digitale: http://www.treccani.it/enciclopedia/biblioteca-digitale_%28Enciclopedia-Italiana%29/

* Treccani, s.v. Biblioteca virtuale: http://www.treccani.it/enciclopedia/biblioteca-virtuale_%28XXI-Secolo%29/

[Giovanna Battaglino]

Big data

[assegnato a Flavia Sciolette]

Browser

[assegnato ad Antonio Marson Franchini]

Cookies

Corpus

(lat.) plur. corpora

Genericamente, un corpus è un insieme di testi rappresentativi di un certo ambito. In ambito digitale, il termine ha un significato specifico: insieme di testi (orali, scritti o multimediali) disponibile su supporto elettronico digitale – online o da terminale – divisi singolarmente nelle loro unità minime (dette token), annotati secondo le convenzioni di un linguaggio detto di mark-up (il più diffuso è XML, per gli scopi delle DH nello standard TEI) e interrogabili attraverso un’interfaccia pensata per introdurre stringhe di caratteri od operatori logici. L’annotazione permette alla macchina di interpretare il testo secondo le sue specificità testuali (es. prosa o verso). I Corpora sono uno strumento di studio della Linguistica cosiddetta dei corpora, basata su testi giudicati autentici e rappresentativi; tuttavia è interessante notare come, posizione ben argomentata da Francesco Sabatini, la linguistica italiana abbia sempre avuto un approccio basato su Corpora testuali, pur se non digitale, fin dai tempi del Dizionario della Crusca.

Esempio: CT – Corpus Taurinense (direzione: Manuel Barbera): un corpus di testi in fiorentino del secondo Duecento molto annotato.

[Flavia Sciolette]

Crowdsourcing

CSS

(ingl. Acronimo per Cascading Style Sheets)

Rappresenta un linguaggio utilizzato per definire la formattazione di un documento HTLM, XHTML o XML. Essendo uno standard patrocinato dal W3C, le regole per il suo utilizzo (Recommendation), emanate nel 1996, sono liberamente consultabili sul loro sito.

I CSS basano la loro sintassi su una gerarchia ben definita di marcatori, non modificabili o estendibili, che utilizzano per definire la visualizzazione dei contenuti di un documento. L’utilizzo di questi fogli di stile a cascata, si è resa necessaria sia per separare i contenuti della pagina HTML dalle impostazioni sulla formattazione in modo da ottenere un documento dalla codifica più snella e dalle dimensioni più leggere. La separazione del foglio di stile dal documento, avvenuta nel 1999 con la creazione di HTML4, rende tutta la fase di programmazione del documento (cioè tutte le impostazioni circa la visualizzazione della pagina, cosa va dove e come deve essere visualizzato dal browser) nettamente più ordinata e di più facile lettura sia dal programma che dagli autori stessi.

Ad oggi i CSS, e soprattutto la loro separazione dal documento stesso, risultano estremamente utili per definire separatamente le visualizzazioni che una stessa pagina web può (e deve) assumere sui diversi device: Computer, Tablet e Smartphone essendo dotati di schermi dalle dimensioni e dalle possibilità differenti, hanno bisogno ognuno della sua formattazione in modo da rendere l’interfaccia utente il più rispondente possibile ai principi di chiarezza e usabilità, basilari per qualsivoglia sito web.

Con un singolo foglio di stile è possibile:

  • Impostare la posizione dei diversi contenuti interni alla pagina web (porzioni di testo, immagini, link esterni, video, banner animati, eccetera);
  • Definire lo stile, il carattere, il colore e il font delle titolazioni (definite in HTML come <h1> <h2> <hn>) dei paragrafi e di tutte le peculiarità tipografiche interne al documento.

Bibliografia:

  • Duckett J., HTML e CSS. Progettare e costruire siti web. Con Contenuto digitale per download e accesso on line, Apogeo, 2017
  • Tissoni F., Lineamenti di editoria multimediale, Milano, Edizioni Unicolpi, 2009

Sitografia:

[Alessia Mrini]

Data visualization

Database

(ingl. Acronimo: DB)

sinonimi: base di dati, banca dati; fr. base de données

Un database è una collezione di dati omogenei per contenuto e formato, organizzati secondo una determinata struttura, scelta da chi sviluppa il progetto (es. il modello relazionale, uno dei più diffusi nell’ambito della progettazione). Un DB è solitamente interrogabile da un’interfaccia visuale da schermo – online o da terminale – pensata per introdurre stringhe di caratteri od operatori logici: un linguaggio di interrogazione per DB è detto query language (linguaggio di ricerca). La classe di software per la creazione e la gestione dei DB è detta DBMS (Database Management System); uno dei più diffusi e maggiormente supportati è l’open-source Mysql, rilasciato dalla Oracle.

Esempio: BEDT – Bibliografia Elettronica dei Trovatori (Direzione Scientifica: Stefano Asperti, Direzione tecnica: Luca De Nigro) una base di dati su modello relazionale dedicata alla poesia provenzale.

[Flavia Sciolette]

Dato

Digital Death

Con il termine “Digital Death” si intende solitamente l’insieme delle questioni che riguardano, in primo luogo, i modi in cui è cambiato il rapporto tra il singolo individuo e la morte a causa dello sviluppo delle nuove tecnologie informatiche e mediatiche, a partire soprattutto dalla diffusione popolare del web. In secondo luogo, le conseguenze che ne derivano per quanto concerne la costruzione della propria identità personale e il suo legame con la memoria in seguito alla morte di sé o di un altro individuo.

Tre i problemi specifici su cui si concentrano gli studiosi della Digital Death: 1) gli effetti che la morte di un singolo individuo produce all’interno della realtà digitale e, quindi, nella vita ‘reale’ di chi soffre la perdita e il lutto; 2) gli effetti che la perdita di oggetti e informazioni digitali personali producono all’interno della realtà fisica di un singolo individuo. In altre parole, le conseguenze di una perdita definitiva di informazioni, fotografie, messaggi, quando si rompe il proprio computer senza aver fatto un preventivo backup del materiale lì contenuto; 3) l’inedito significato che assume il concetto di immortalità in relazione tanto al singolo individuo quanto agli oggetti e alle informazioni digitali personali.

Questi problemi implicano un’attenzione particolare, a livello interdisciplinare, da parte degli studiosi per tutti i progetti digitali che cercano di farci sopravvivere alla nostra morte quali “spettri digitali” (Eter9, Eterni.me, LifeNaut, ecc.) e per le questioni inerenti a concetti come “patrimonio digitale”, “memoria digitale”, “eredità digitale”, i quali prendono forma a partire dall’uso decennale dei social network da parte degli utenti del web.

[Davide Sisto]

DOI

DTD

(ingl. Acronimo per Document Type Description)

La DTD è un linguaggio per definire la grammatica che descrive la composizione degli elementi che fanno parte di una certa classe di documenti XML. È un retaggio del SGML, in quanto già se ne serviva per strutturare formalmente e gerarchicamente tutti i componenti del linguaggio.

La DTD è un insieme di dichiarazioni che principalmente determinano quali elementi devono e/o possono essere usati, quali attributi possono essere aggiunti agli elementi e soprattutto quali relazioni legano o separano i vari elementi. Le DTD risultano, quindi, molto utili per la comprensione e la validazione del documento XML, per la creazione di fogli di stile e di interfacce dinamiche e per l’interscambio di documenti. In parole povere altro non è che un documento in cui vengono sia inseriti tutti gli elementi e gli attributi che il codificatore potrà utilizzare nel documento XML, sia specificati i tipi di rapporti che intercorrono tra di loro.

Ogni DTD può essere, arbitrariamente, interna o esterna (in questo caso può diventare un file autonomo e interscambiabile) al documento XML, ma in entrambi i casi essa deve essere necessariamente dichiarata nel documento stesso, subito dopo la dichiarazione XML.

Bibliografia:

  • Ausiello G. (et al.), Modelli e linguaggi dell’informatica, Milano, McGraw-Hill, 1991
  • Ciotti F., Il testo e l’automa. Saggi di teoria e critica computazionale dei testi letterari, Roma, ARACNE editrice s.r.l., 2007.
  • Moller A., Schwartzbach M.I., Gaburri S. (a cura di), Introduzione a XML, Pearson, 2007
  • Tissoni F., Lineamenti di editoria multimediale, Milano, Edizioni Unicopli, 2009

[Alessia Marini]

EAD

[assegnato a Concetta Damiani]

Esperienza utente (UX)

Feed RSS

[assegnato ad Antonio Marson Franchini]

Filologia digitale

[assegnato a Giovanna Battaglino]

FTP

[assegnato ad Alessia Marini]

GIT

Gold Open Access

Si dice che una sede scientifica pubblica in gold open access quando i singoli contributi di ogni autore – una volta editi – sono liberamente e immediatamente disponibili online.

Sitografia di riferimento: http://biblioteca.bo.cnr.it/index.php/it/open-access/pubblicare-oa/item/272-gold-road

[Antonello Fabio Caterino]

Green Open Access

Si parla di green open access quando l’autore contribuisce a diffondere il proprio contributo immettendolo in repository (istituzionali e non) liberamente consultabili. È possibile che alcuni editori vietino espressamente questa pratica, e che dunque siano caricate online versioni pre-print o post-print.

Sitografia di riferimento: http://biblioteca.bo.cnr.it/index.php/it/open-access/pubblicare-oa/item/271-green-open-access

[Antonello Fabio Caterino]

Hidden web

HTML

(ingl. Acronimo per HyperText Markup Language)

È un linguaggio di marcatura che descrive la struttura delle pagine web e definirne i collegamenti ipertestuali, utilizzando una serie di marcatori predefiniti e non modificabili; rappresenta, quindi, uno standard riconosciuto dal World Wide Web Consortium (W3C). Come SGML, suo progenitore, e XML, l’HTML attua una fondamentale distinzione tra il testo, ovvero il contenuto vero e proprio della pagina web, e i markup che rappresentano, invece, l’ossatura del documento che lo rendono “leggibile” dai browser.

Il linguaggio venne sviluppato da Tim Barners-Lee presso il CERN DI Ginevra (Svizzera) durante i primissimi anni ’90 in concomitanza con il protocollo HTTP pensato per il trasferimento dei documenti codificati con tale formato. L’idea, però, risale al 1989, quando lo stesso Lee propose un progetto, denominato World Wide Web, che riguardava la pubblicazione di ipertesti in un ambiente condiviso: i risultati e l’applicazione di tale progetto furono utilizzati solamente all’interno del CERN fino al 1991; generalmente si tende a far risalire anche la nascita di Internet così come lo conosciamo a quella stessa data. Con questa “liberalizzazione” ebbe inizio una sorta di “guerra dei Browser”, durante la quale ogni Browser esistente utilizzava la propria struttura basata su HTML il che, però, rendeva impossibile la corretta visualizzazione di una pagina web su un browser diverso da quello per in cui era stata creata. La questione venne definitivamente risolta nel 1995 quando, un anno dopo la nascita del W3C, venne proposta la versione 3.0 del linguaggio che divenne così uno standard. Nel 1999, con l’HTML 4, venne introdotta una novità fondamentale, ovvero la possibilità di creare un foglio di stile, denominato CSS, che fosse esterno al documento HMTL, in modo da rendere più snella la codifica alleggerendo di conseguenza il documento. L’ultima versione del linguaggio è la 5.0 e risale al 28 ottobre 2014: grazie ad essa ora il linguaggio può avvalersi senza problemi di controlli più sofisticati sulla resa grafica e interazioni dinamiche con l’utente, avvalendosi di altri linguaggi come il JavaScript, il JSON o altre applicazioni multimediali per l’animazione vettoriale o di streaming audio/video.

Al livello strutturale un documento HTML ha bisogno di una dichiarazione iniziale in cui si specificano la versione del linguaggio utilizzata e la conseguente codifica caratteri (che è lo standard UTF-8) e l’uso necessario di determinato marcatori, come <html> <head> e <body>. A differenza del fratellastro XML, l’HTML non dà la possibilità di ampliare la gamma di marcatori utilizzabili, quindi la struttura di qualsiasi file HTML risulta grossomodo uguale:

  • Inizia con <html> e deve necessariamente chiudersi con </html>;
  • Successivamente deve essere utilizzato il tag <head> nel quale vanno inserite informazioni scontate come il <title> o più complesse come quelle necessarie alla visualizzazione del contenuto, definite dal tag <style>.
  • Chiuso l’</head> viene aperto il <body>, che rappresenta il vero “corpo” del documento in cui verrà inserito il testo, le immagini, i link con pagine esterne, eventuali video o animazioni con JavaScript.
  • Il testo viene definito da marcatori prettamente tipografici come <p> per i vari paragrafi o <h1> <h2> <h3> per i vari livelli di titolazione. All’interno del testo, poi, sarò possibile inserire tags come <i> per il corsivo o <b> per il grassetto; notiamo subito come essi siano marcatori prettamente fisici, il che rappresenta una delle fondamentali differenze con l’XML, il quale, invece, si serve di marcatori logici. Ciò non toglie che anche nella sintassi HTML è possibile ritrovare marcatori logici come <em> (che evidenzia una porzione di testo più estesa del singolo rigo), ma è raro trovarli o utilizzarli.

Bibliografia:

  • Duckett J., HTML e CSS. Progettare e costruire siti web. Con Contenuto digitale per download e accesso on line, Apogeo, 2017
  • Tissoni F., Lineamenti di editoria multimediale, Milano, Edizioni Unicolpi, 2009

Sitografia:

[Alessia Marini]

Informazione

Interfaccia utente (UI)

[assegnato ad Antonio Marson Franchini]

Ipertesto

Javascript

Link

Linked data

Machine learning

Markup

Si tratta di uno dei due sistemi di elaborazione del testo elettronico: si contrappone al WYSIWYG (what you see is what you get) e, per via delle sue caratteristiche, non è legato ad un determinato tipo di programma che ne garantisca la lettura. In italiano il termine si può tradurre con linguaggio di marcatura o di codifica. Permette di descrivere la struttura, composizione, impaginazione del testo (o di qualsiasi altro file di contenuto) attraverso comandi visibili (sequenze di caratteri ASCII) immessi nel file di testo.

Se ne possono distinguere due tipi: procedurali (basati su un linguaggio specifico) e dichiarativi (basati su un linguaggio generico. Il primo consiste in un insieme di istruzioni operative che indicano localmente la struttura tipografica e compositiva della pagina. Viene così definito perché indica alla macchina le procedure di trattamento a cui sottoporre i file di testo. Ha come obiettivo principale l’aspetto tipografico del documento. Il secondo, invece, ha come obiettivo la descrizione della struttura astratta del documento in cui i simboli al posto che indicare il trattamento tipografico della pagina ne identificano le strutture interne (paragrafi, etc.). Entrambi utilizzano un sistema di tag (marcatori) che identificano le parti del discorso all’interno del file di testo ma solo i linguaggi di tipo dichiarativo si occupano di identificarne le qualità logiche e non tipografiche. Questo sistema di marcatori viene sempre utilizzato in una forma gerarchizzata che dall’elemento più grande da definire giunge fino al più piccolo.

I linguaggi di markup sono lo strumento standard per lo sviluppo di oggetti digitali. Il capostipite di questi linguaggi è SGML (Standard Generalized Markup Language) creato nel 1986 da Charles Goldfarb e risultato tanto funzionale da diventare lo standard ISO (International Standard Organization) per la codifica dei testi. Ad oggi, nell’ambito dell’informatica umanistica lo standard è il linguaggio di markup TEI (Text Encoding Initiative) basato sullo standard XML (eXstensible Markup Language).

[Antonio Marson Franchini]

Metadatabase

Metadato 

Con il termine metadato, mutuato dall’inglese metadata – costituito dal greco μετὰ (meta: oltre, dopo) e dal plurale neutro latino data, informazioni – si indica l’insieme delle informazioni strutturate relative ai dati.

L’origine inglese del termine influenza tenacemente l’uso, tanto che la forma singolare metadato (ricavata all’interno del sistema morfologico italiano) è di utilizzazione più infrequente.

I metadati sono legati al ciclo di vita di una risorsa digitale nel senso che ogni oggetto/risorsa digitale necessita di un bagaglio di dati che, pur non essendo parte del suo contenuto informativo, è indispensabile a renderlo rappresentabile attraverso specifiche procedure di decodifica. Tali informazioni associate, dati sui dati, prendono appunto il nome di metadati.

I metadati sono quindi informazioni strutturate che descrivono, spiegano, localizzano o comunque rendono possibile il recupero, l’uso e la gestione di una risorsa informativa. Le relazioni tra risorse informative e metadati, oltre ad essere indispensabili, si prestano a svariate declinazioni: i metadati possono essere statici o dinamici; embedded – ossia inclusi nella risorsa come parte integrante – o collegati ad essa in virtù di meccanismi identificativi stabili e sicuri nel tempo; un medesimo oggetto può prevedere l’associazione a diversi schemi di metadati con diverse e più oggetti possono essere associati tra loro attraverso metadati. Inoltre il ciclo di vita di una risorsa digitale deve essere accompagnato dal costante aggiornamento del corpus dei relativi metadati, affinché tutto quanto accade resti tracciato e documentato.

La comunità scientifica internazionale, preso atto della necessità di associare alle entità digitali un insieme di metadati con i caratteri di completezza, accuratezza e appropriatezza, ha elaborato alcuni schemi e modelli a cui fare riferimento, proponendo una distinzione in tre categorie funzionali:

  • metadati descrittivi (descriptive metadata): finalizzati all’identificazione e al recupero degli oggetti digitali; sono costituiti da descrizioni normalizzate dei documenti fonte (o dei documenti digitali nativi), risiedono generalmente nelle basi dati dei sistemi di Information Retrieval all’esterno degli archivi degli oggetti digitali e sono collegati a questi ultimi con link dedicati;
  • metadati strutturali (structural metadata): volti a descrivere la struttura interna dei documenti e a gestire le relazioni esistenti tra le varie parti componenti degli oggetti digitali;
  • metadati amministrativo-gestionali, funzionali alla gestione degli oggetti digitali all’interno dell’archivio e alla cura degli aspetti più propriamente tecnici.

A complemento ed integrazione dell’indicata tripartizione vi sono poi i metadati per la gestione dei diritti, i metadati per la security, i metadati per le informazioni personali, i metadati per la conservazione a lungo termine, le cui funzioni compaiono diversamente esplicitate e valorizzate in specifici modelli e schemi.

In letteratura il riferimento più noto e ricorrente in materia di metadati di valenza descrittiva è lo standard ISO 15836, comunemente noto come Dublin Core (DC, in realtà Dublin Core Metadata Initiative, DCMI).

Il Dublin Core è un insieme di metadati, poi implementato, progettato per la descrizione di una qualunque risorsa informativa, indipendentemente dal dominio di appartenenza; la sua vocazione è quella di integrarsi con altri standard di metadati, anche all’interno di una stessa descrizione, così da ottenere un documento descrittivo complesso ed eterogeneo, che possa essere funzionale alla descrizione, alla catalogazione, alla ricerca e all’individuazione di risorse informative differenti per natura, per tipologia e per contesto d’uso.

Difficile realizzare una rassegna sistematica dei diversi modelli tecnici di metadatazione e individuare tra essi quelli che abbiano caratteristiche tali da assurgere ad effettivi standard; si segnalano quindi, senza alcuna pretesa di esaustività:

  • Metadata Object Description Schema (MODS): schema di metadati descrittivi derivato dallo standard bibliografico MARC e indicato per la sua flessibilità a descrivere oggetti digitali nativi, con un livello di granularità ampiamente compatibile con gli standard dei formati bibliografici;
  • Metadata Encoding and Trasmission Standard (METS): standard per la codifica dei metadati descrittivi, amministrativi e strutturali di un oggetto digitale. Un documento METS è caratterizzato da ampia compatibilità con gli altri schemi di metadati e ciò rende questo standard particolarmente flessibile e applicabile in diversi contesti;
  • Metadati Amministrativi e Gestionali (MAG): il progetto sotteso è finalizzato all’elaborazione, al mantenimento e all’evoluzione di uno standard italiano di metadati amministrativi e gestionali. Il profilo applicativo MAG è stato adottato dall’Istituto centrale per gli archivi (ICAR) in qualità di standard nazionale sperimentato per la gestione, conservazione e diffusione via web delle riproduzioni digitali dei documenti d’archivio. Il comitato MAG, inoltre, nelle fasi di studio ed evoluzione ha destinato grande attenzione alla compatibilità con il modello METS;
  • Open Archival Information System (OAIS, standard ISO 14721): il modello prevede che le informazioni vengano organizzate per componenti funzionali e pacchetti informativi, individuando almeno cinque categorie di elementi informativi finalizzati a documentare e realizzare la conservazione a medio e lungo termine e la relativa accessibilità;
  • Preservation Metadata: Implementation Strategies (PREMIS): si tratta dello standard più utilizzato per i metadati di conservazione; tra i suoi punti di forza si annoverano la facilitazione nello scambio di oggetti digitali tra strutture di conservazione e l’integrazione con modelli non-PREMIS ottenibile con l’uso dei cosiddetti contenitori di estensione.

Lo stretto, e più volte richiamato, legame esistente tra l’oggetto digitale e i metadati che ne rappresentano le caratteristiche, nonché il ruolo che i metadati svolgono nelle diverse fasi di vita della risorsa condizionano la qualità complessiva di un prodotto digitale e la sua capacità di rispondere nel tempo alle finalità che ne hanno determinato la creazione. La scelta degli standard di metadati da utilizzare diventa poi determinante quando si vogliano integrare collezioni di risorse con sistemi nazionali o internazionali. Pertanto «I metadati sono al contempo il mastice che tiene insieme le informazioni sugli oggetti digitali, garantendone la qualità e l’accesso, e la struttura logica che consente la creazione e produzione di nuove e inedite relazioni tra i dati» (Crupi, 2015).

Bibliografia:

Crupi G., Bibloteca digitale, in G. Solimine e P.G. Weston (a cura di), Biblioteche e biblioteconomia. Principi e questioni, Roma, Carocci, 2015, pp.373-417

Feliciati P., Gestione e conservazione di dati e metadati per gli archivi: quali standard?, in S. Pigliapoco (a cura di), Conservare il digitale, Macerata, EUM, 2010, pp. 191-219

Id., I metadati nel ciclo di vita dell’archivio digitale e l’adozione del modello PREMIS nel contesto applicativo nazionale, in G. Bonfiglio Dosio e S.Pigliapoco (a cura di), Formazione, gestione e conservazione degli archivi digitali. Il Master FGCAD dell’Università degli Studi di Macerata, Macerata, EUM, 2015, pp.189-208

Franzese P., Manuale di archivistica italiana, Perugia, Morlacchi Editore U.P., 2014

Guercio M., Archivistica informatica: i documenti in ambiente digitale, Roma, Carocci, 2013

Id., Conservare il digitale. Principi, metodi e procedure per la conservazione a lungo termine di documenti digitali, Roma-Bari, Laterza, 2013

Id., La conservazione delle memorie digitali, in G. Solimine e P.G. Weston (a cura di), Biblioteche e biblioteconomia. Principi e questioni, Roma, Carocci, 2015, pp. 545-566

Michetti G., Gli standard per la gestione documentale, in L. Giuva e M. Guercio, Archivistica. Teorie, metodi, pratiche, Roma, Carocci, 2014, pp. 263-286

Pigliapoco S., Progetto archivio digitale. Metodologia sistemi professionalità, Lucca, Civita editoriale, 2016

Weston P.G., Sardo L., Metadati, Roma, Associazione Italiana Biblioteche, 2017

 

Sitografia:

http://www.iccu.sbn.it/opencms/opencms/it/main/standard/metadati

http://www.loc.gov/ead

www.loc.gov/standards/mets/METSita.html

http://www.iccu.sbn.it/upload/documenti/Manuale.pdf

http://www.loc.gov/standards/mods/

http://www.conservazionedigitale.org/wp/approfondimenti/depositi-di-conservazione/oais-reference-model

www.loc.gov/standards/premis/v3/premis-3-0-final.pdf

[Concetta Damiani]

Metatesto

Microtesco

Motore di ricerca

Namespace

Natural Language Processing (NLP)

Oggetto digitale 

si definisce oggetto digitale qualsiasi testo, documento, immagine, audio/video, ipertesto o base di dati che venga archiviato in una memoria di massa attraverso una codifica che lo renda comprensibile alla macchina e restituibile all’utente umano. La codifica avviene, a causa della sua natura informatica, attraverso il codice binario e un linguaggio (Unicode o ASCII tra i più usati) che rendano l’informazione intellegibile alla macchina. Sua caratteristica peculiare è di essere un’entità composta in modo inserparabile da uno o più file di contenuti e i loro metadati uniti, fisicamente e/o logicamente tramite l’uso di un digital wrapper, un connettore digitale. Si tratta quindi, in definitiva, dell’associazione del dato e del suo metadato che concorrono a rendere quella sequenza di bit, comprensibile dalla macchina, significante, individuabile e accessibile per la fruizione, l’archiviazione, la conservazione, la disseminazione e le altre operazioni gestionali. L’oggetto digitale può nascere direttamente digitale o aver subito una trasformazione in formato digitale. A sua volta questa entità composita può essere oggetto di un ulteriore livello di specificazione che la distingue in oggetti digitali semplici e complessi. Secondo il glossario della California Digital Library, i primi sono composti da un unico file di contenuto (e dalle sue varianti di formato e forme derivate) e dai suoi metadati mentre secondi sono composti da due o più file di contenuto (e dalle loro varianti di formato e forme derivate) e dai metadati corrispondenti.

L’oggetto digitale possiede inoltre come caratteristica la difficoltà di conservazione per diversi motivi, due in particolare: il degrado del supporto fisico (floppy disc e CD ad esempio) e l’obsolescenza degli standard di codifica utilizzati all’atto della creazione dell’oggetto digitale. È per questi due motivi che l’oggetto digitale deve essere affrontato come: oggetto fisico, oggetto logico, oggetto concettuale, collezione di elementi. Tutti questi aspetti devono essere tenuti in considerazione all’atto di creazione dell’oggetto digitale perché tutti questi devono essere oggetto della conservazione sia singolarmente che in relazione tra loro.

Da questa sommaria descrizione si comprende che, parlando di oggetto digitale, non ci si riferisce a un elemento definito ma, più precisamente ad una categoria di oggetti che possono presentare caratteristiche molto diverse fra loro ma che hanno un unico punto in comune, la necessità di essere archiviate attraverso l’impiego di memorie di massa.

Bibliografia:

  • Tomasi, Metodologie informatiche e discipline umanistiche, Carocci, Roma, 2008.
  • Numerico, A. vespignani, Informatica per le scienze umanistiche, Il Mulino, Bologna, 2003.
  • Fiormonte, T. Numerico, F. Tomasi, L’umanista digitale, Il Mulino, Bologna, 2010.
  • Sebastiani, Il “documento digitale”: analisi di un concetto in evoluzione, «Digitalia» anno III (2008), n. 1.

Sitografia:

[Antonio Marson Franchini]

Ontologia

Ingl. Ontology, fr. Ontologie

Ontologia è un termine mutuato dalla filosofia, che in informatica assume il significato di “rappresentazione di una forma di conoscenza o parte del mondo” da modellare in un programma (“dominio”). Nei sistemi di condivisione della conoscenza, l’ontologia ha il compito di rappresentare “le cose che esistono” in un determinato dominio concettuale, distinguendo i concetti (concettualizzazione), definendoli e indicando il sistema di relazioni entro le quali interagiscono (specificazione). Le ontologie sono importanti per il Web Semantico, in quanto permettono di cercare i concetti piuttosto che stringhe dei caratteri e perché creano una relazione tra il contenuto e altre fonti di conoscenza. Il linguaggio solitamente utilizzato è OWL (Ontology Web Language), basato sulla sintassi XML.

Esempio: Clavius (Istituto di Linguistica Computazionale Zampolli di Pisa) un insieme di manoscritti digitalizzati conservati presso l’Archivio Storico della Pontificia Università Gregoriana, relativi a Christophorus Clavius (1538-1612), matematico ed astronomo gesuita. I concetti (terminologia ed entità di dominio) formano un’ontologia legata a risorse già disponibili in Rete.

[Flavia Sciolette]

OPAC

Open Access

[assegnato a Concetta Damiani]

Open Data

Open knowledge

Open source

ORCID

Paratesto

Definizione

Il concetto di paratesto appartiene alla teoria della letteratura e fu introdotto dal critico francese Gérard Genette. Secondo il vocabolario della lingua Italiana Garzanti il paratesto è l’insieme degli elementi accessori e complementari di un testo a stampa, come il titolo, l’introduzione, le note, ed anche l’insieme delle caratteristiche editoriali e tipografiche. L’Enciclopedia Treccani on-line aggiunge che il termine deriva dal francese paratexte ed indica l’insieme di produzioni, verbali e non verbali, sia nell’ambito del volume (il nome dell’autore, il titolo, una o più prefazioni, le illustrazioni, i titoli dei capitoli, le note), sia all’esterno del libro (interviste, conversazioni, corrispondenze, diari), che accompagnano il testo vero e proprio e ne guidano il gradimento e, aggiungiamo, la comprensione del pubblico.

Genette teorizza la nozione di paratesto in Seuils, Paris, Seuil, 1987 (edizione italiana a cura di Camilla Maria Cederna, Soglie. I dintorni del testo, Torino, Einaudi, 1989).

Etimologia

Secondo il Vocabolario on-line Treccani il termine paratesto è formato dalla preposizione greca para- (vicino, affine, contrapposto) e dal sostantivo testo (dal latino textus, tessuto, da texere, tessere, intrecciare) sul modello del francese paratexte.

Parti

Il genere paratesto viene suddiviso in base alla sua ubicazione in peritesto ed epitesto.

Peritesto

Il peritesto si trova nello spazio dell’opera, con una funzione paratestuale quasi esclusivamente di presentazione, di indirizzo e di commento. È il nucleo del paratesto, ha forma e, generalmente, posizioni fisse: all’inizio (frontespizi, titoli, dediche, epigrafi, prefazioni), in margine (note, chiose) e alla fine del testo (postfazioni, tavole, appendici).

Appartengono al genere peritesto anche gli elementi direttamente dipendenti dall’editore: il formato e la composizione grafica, la collana, la copertina, le pagine bianche del volume all’inizio e alla fine del libro (sguardie o risguardi: separano il blocco delle pagine dalla copertina e lo tengono ad essa legato), l’occhiello (pagina che riporta il titolo del libro, se posta prima del frontespizio, o il titolo di un capitolo o simili, se posta all’interno), le pagine 4-5-6 con le ulteriori indicazioni editoriali, il frontespizio (pagina all’inizio del libro, nella quale sono indicati l’autore, il titolo, le note tipografiche), il colophon nelle pagine finali (nei libri moderni la formula “finito di stampare” con i dati d’obbligo: la data, il luogo di stampa, il nome dello stampatore e altre notizie simili alla fine dell’opera), la composizione tipografica, la qualità della carta. Vengono classificati come peritesti anche il nome dell’autore, il titolo dell’opera, le dediche e le epistole dedicatorie, le epigrafi (le citazioni in margine al testo, per esempio all’inizio del volume o dei capitoli), le prefazioni e le postfazioni, gli intertitoli (i titoli di capitoli o tomi o sezioni), le note. Infine è considerato peritesto il cosiddetto prière d’insérer, paratesto della consuetudine editoriale francese, un breve prospetto dell’opera, spedito ai direttori dei giornali allo scopo di pubblicarlo, una specie di pubblicità, e poi evolutosi in varie forme, fino all’odierno riassunto nella quarta pagina di copertina.

Epitesto

L’epitesto è qualsiasi elemento paratestuale non contiguo, ma comunque in relazione al testo: tutto quello che un autore dice o scrive nella sua vita o sul mondo che lo circonda può avere un carattere paratestuale.

L’epitesto si distingue in pubblico e privato. Appartengono al primo genere l’epitesto editoriale con funzione promozionale (pubblicità, inserzioni), l’allografo ufficioso (recensioni, interventi critici), l’epitesto autonomo (le risposte e i commenti pubblici dell’autore) o mediatizzato (interviste, convegni, occasioni pubbliche di rapporto con l’autore).

L’epitesto privato è rivolto ad una persona, che si interpone tra l’autore e il pubblico e può essere un corrispondente, un confidente o anche l’autore stesso. L’epitesto privato si suddivide in confidenziale, quando è rivolto a un confidente, ed intimo, se il destinatario è l’autore stesso.

Teoria retorica

In “Der humanistische Geleittext als Paratext – am Beispiel von Brants Beigaben zu Tennglers Layen Spiegel” Joachim Knape include nel paratesto il testo di presentazione umanistico, che aumenta il valore del testo introdotto. A nostro parere confermano questa intepretazione per esempio anche le lettere dedicatorie erasmiane del De copia verborum ac rerum.

In “Powerpoint in rhetoriktheoretischer Sicht” Knape analizza la produzione del testo per Powerpoint in base alla teoria retorica della progettazione testuale: il testo di Powerpoint viene considerato come paratesto oppure come testo centrale. In quanto paratesto, funge da compendio (Kondensat), da complemento (Korrelat) e da illustrazione (Illustrat) del testo centrale. Come testo centrale il testo di Powerpoint rappresenta anche la ricerca di una soluzione a due canali: acustico, la lettura dell’oratore, ed ottico, la lettura muta del pubblico.

Bibliografia

http://www.garzantilinguistica.it/ricerca/?q=paratesto

http://www.treccani.it/vocabolario/paratesto/

Joachim Knape, “Der humanistische Geleittext als Paratext – am Beispiel von Brants Beigaben zu Tennglers Layen Spiegel” in Ulrich Tenglers Laienspiegel. Ein Rechtsbuch zwischen Humanismus und Hexenwahn, Herausgegeben von Andreas Deutsch im Auftrag der Heidelberger Akademie der Wissenschaften, Akademie der Wissenschaften des Landes Baden-Württemberg, Universitätsverlag Winter, Heidelberg, 2011; “Powerpoint in rhetoriktheoretischer Sicht”, in Bernt Schnettler, Hubert Knoblauch (Hg.), Powerpoint-Präsentationen. Neue Formen der gesellschaftlichen Kommunikation von Wissen, UVK Verlagsgesellschaft mbH, Konstanz, 2007.

Nicola Zingarelli, Lo Zingarelli 1995. Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli, Dodicesima edizione a cura di Mirco Dogliotti e Luigi Rosiello, Bologna, Zanichelli, 1995.

[Cristiano Rocchio]

PHP

[assegnato a Flavia Sciolette]

Programmazione

Protocollo

Python

RDF

Repository

Scholar

Scientific blogging

Scopus

Self archiving

Server

SGML

[assegnato ad Alessia Marini]

Social media

Speech-to Text (STT)

Tassonomia

TEI

[assegnato ad Alessia Marini]

Text-to Speech (TTS)

Thesaurus

[assegnato a Giovanna Battaglino]

Tipo (di dato)

Trattamento Automatico del Linguaggio (TAL)

Unicode

URL

Utente

Web Semantico

[assegnato a Concetta Damiani]

WordPress

XSL

(ingl. Acronimo per Exstensible Stylesheet Language)

Si occupa di definire, all’interno di un document XML, quale sarà la sua visualizzazione sul browser, in quanto è in grado di contenere le informazioni su formattazione e visualizzazione del documento, filtrare i dati, riorganizzarli nelle gerarchie ed eseguire calcoli. Volgarmente definito come foglio di stile, l’XSL è più che altro un insieme di linguaggi atti a rendere possibile la trasformazione del documento, in modo da renderlo leggibile e visualizzabile sui browser. Tra tutti i linguaggi, quello maggiormente interessante è l’XSLT (Extensible Stylesheet Languages for Transfomation), raccomandato ufficialmente dal W3C nel novembre del 1999.

La sua funzione primaria è quella di trasformare letteralmente il documento XML in HTML e, per farlo, utilizza un linguaggio basato su regole di pattern matching, con le quali si danno delle specifiche di visualizzazione a delle porzioni di testo, in modo tale che ogni volta che quella determinata parte, o una simile, viene rinvenuta nel documento, verrà immediatamente sostituita con l’impostazione data dalle regole di visualizzazione.

Un documento XSLT si compone di tre fasi fondamentali: nella prima <xsl: output> è il marcatore che specifica il tipo di formato in cui verrà visualizzato il documento finale, ad es. HTML, mentre <xsl:template> specifica quali parti del documento XML dovranno essere trasformate. Nella seconda fase si ha una trasformazione strutturale dei dati: si passa quindi dalla struttura dell’input a quella dell’output desiderato. Nella terza ed ultima fase avviene la formattazione dei dati secondo le specifiche dell’output selezionato. In parole più semplici il compito dell’XSLT è quello di prendere le informazioni da un documento di partenza, trasformarle secondo il linguaggio del documento finale e poi formattare questa nuova gerarchia di informazioni secondo le specifiche del foglio di stile dell’output (si passerà, quindi, da un file.xml ad un file.html che verrà di visualizzato ed organizzato con CSS).

Bibliografia:

  • Ausiello G. (et al.), Modelli e linguaggi dell’informatica, Milano, McGraw-Hill, 1991
  • Ciotti F., Il testo e l’automa. Saggi di teoria e critica computazionale dei testi letterari, Roma, ARACNE editrice s.r.l., 2007.
  • Moller A., Schwartzbach M.I., Gaburri S. (a cura di), Introduzione a XML, Pearson, 2007
  • Tissoni F., Lineamenti di editoria multimediale, Milano, Edizioni Unicopli, 2009

Sitografia:

[Alessia Marini]

 

XML

(ingl. Acronimo per eXstensible Markup Language)

Assieme ad HTML (HiperText Markup Language), è un linguaggio di marcatura derivato da SGML (Standard Generalized Markup Language). Esattamente come il suo genitore è di tipo descrittivo, ciò vuol dire che tutti i marcatori sono creati e pensati per descrivere la funzione delle porzioni di testo che racchiudono.

Il progetto per lo sviluppo del XML ha inizio nel 1996 con il fine di ampliare e potenziare la capacità di gestione ed elaborazione dei documenti sul web; per questo venne creato un gruppo di lavoro XML Working Group, composto dai maggiori esperti mondiali di SGML, che nel 1998 completarono lo sviluppo del linguaggio di marcatura. Con la successiva sottoscrizione di Michael Sunshine, allora presidente del W3C (Web Consortium), il linguaggio divenne uno standard internazionale.

XML può essere pensato come un sottoinsieme di SGML da cui eredita sia la sintassi sia la logica di funzionamento. Al contrario dell’HTML, XML non ha dei marcatori fissi e determinati, ma, come ci suggerisce il nome, è estensibile e modificabile.  Tutto ciò è possibile grazie all’uso di una DTD (Document Type Description): è importante avere ben chiaro, prima di iniziare ad avventurarsi nella pratica di questo linguaggio, che non può esistere un file XML privo di DTD in quanto essa ne rappresenta implicitamente le fondamenta.

Un’altra differenza fondamentale con l’HTML è che esso si preoccupa più di descrivere i particolari fisici del  documento (utilizzando <i> </i> per segnalare un titolo in corsivo), l’XML invece preferisce un tipo di descrizione degli aspetti logici, così un titolo in corsivo viene marcato come <title> per differenziarlo logicamente, e non graficamente, dagli altri oggetti testuali. Il linguaggio di marcatura, quindi,  non si interessa tanto di espletare il significato del singolo elemento, quanto di definire quale sia la sua relazione con gli altri.

Altra peculiarità dell’XML è il foglio di stile necessario per la visualizzazione sui browser: chiamato XSL (Exstensible Stylesheet Language), esso permette non solo l’inserimento di specifiche di visualizzazione come i contenuti grafici ed il posizionamento dei contenuti, ma principalmente di preoccupa rendere leggibile il file XML per il browser.

Indispensabile in ogni documento XML è il prologo nel quale è contenuta la dichiarazione della versione del linguaggio utilizzata e specifica il set di caratteri usati dalla codifica caratteri.

All’interno della codifica è anche possibile utilizzare dei commenti utili nel caso in cui un certo documento subisca più lavorazioni da parte di mani diverse: l’uso dei commenti serve al codificatore per segnalare delle particolarità del documento o per suggerire metodi di lavorazione.

In ultimo va citato l’uso delle entità che aiuta a codificare tutte quelle parti, non necessariamente testuali, che non possono essere piegate alla logica gerarchica del documento. posso essere, quindi, di due tipi, quelle generali, già normalmente inserite nella DTD (delimitate da & e ;), e quelle parametriche, più specifiche, che vengono usate solo nelle dichiarazioni di markup (delimitate da % e ;).

Bibliografia:

  • Ausiello G. (et al.), Modelli e linguaggi dell’informatica, Milano, McGraw-Hill, 1991
  • Ciotti F., Il testo e l’automa. Saggi di teoria e critica computazionale dei testi letterari, Roma, ARACNE editrice s.r.l., 2007.
  • Moller A., Schwartzbach M.I., Gaburri S. (a cura di), Introduzione a XML, Pearson, 2007
  • Tissoni F., Lineamenti di editoria multimediale, Milano, Edizioni Unicopli, 2009

Sitografia:

[Alessia Marini]