Riflessioni e proposte sullo studio informatizzato del componimento poetico breve (di Antonello Fabio Caterino)

Bimestre Luglio-Agosto 2017 (30 Agosto)

Una delle pratiche più diffuse nella ricerca delle fonti di un componimento poetico breve (sonetto, strambotto, madrigale, ballata etc.) – grazie alla diffusione dello strumento informatico, che de facto non ammette più ignoranza – è l’interrogazione di corpora volta a ricercare la presenza di comune materiale lessicale. Si ragiona – solitamente – per tessere: si isola la sequenza che appare fortemente connotata (es. una coppia sostantivo-aggettivo, verbo-avverbio etc.) e la si cerca all’interno della tradizione.

I dati ottenuti, ovviamente, vanno sottoposti a un’attenta analisi da parte del commentatore: si tratta davvero di un tributo, di un riuso più o meno volontario? Tanto più è fortemente connotata la tessera di partenza quanto più può essere attendibile il risultato. Ovviamente subentrano anche altri fattori storico-culturali che possono insidiare tale attendibilità: può il poeta aver in qualche modo letto il materiale precedente che allo studioso sembra averlo ispirato?

L’esegesi testuale di queste forme poetiche si fonda in gran parte su questi interrogativi, eppure non deve – o dovrebbe mai – dimenticarsi di entrare nell’argomento del testo stesso. Usare la strumentazione informatica per l’analisi dell’argomento è certo più complesso (mancano veri e propri corpora dedicati): si deve per forza – a un certo punto – cominciare a leggere direttamente i testi della tradizione, guidati magari dalle spie lessicali. Può a questo punto tornare utile una schedatura. Propongo in questa sede un modello di scheda per componimenti poetici brevi, che entra nel merito dell’argomento.

TIPOLOGIA
forma metrica sottogenere (es. plazer, visione etc.) [destinatario]

 

particolarità

 

AMBIENTAZIONE

ambientazione principale

 

altri luoghi citati
 TEMPO
(data certa, ricordo, etc.)
PERSONAGGI
a)      Un solo personaggio (es. soliloquio, lamento etc.)
b)      Due o più personaggi
Protagonista Verso o contro Secondo Personaggio Protagonista / Antagonista
nome aggettivo 1 aggettivo 2 ulteriori caratterizzazioni dell’azione

 

 

 

 

 

nome aggettivo 1 aggettivo 2
 Personaggi di secondo livello, affini o alleati del protagonista Personaggi di secondo livello, affini o alleati del secondo personaggio, se antagonista
tipologia situazione (un solo sostantivo)
  Altri personaggi protagonisti

 

Rendendo interrogabili informaticamente le schede, a partite da questo schema ognuno potrebbe abbozzare un proprio repertorio, modellato secondo l’uso che ne vorrà fare. Tutto questo in attesa che i repertori a nostra disposizione migliorino.

NB. Il modello di scheda, in formato .doc, è qui disponibile al download.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *