Digitalizzazione e innovazione tecnologica nell’analisi delle Canzoni di Antonio della Porta (di Giorgio Pannunzio)

di Giorgio Pannunzio

1. Sempre nell’ottica della semasiologia dei contenuti letterari, va sottolineato come l’utilizzo degli archivi informatici non si possa limitare all’uso dei “corpora”, ma sia necessario dare qualche esempio di come i testi possano essere esaminati a partire da una conoscenza diretta anche laddove gli archivi suddetti siano manchevoli o non contengano materiale sufficiente ad acclarare la dimensione effettuale su cui un autore si pone. In quel caso, vengono in aiuto le digitalizzazioni: in effetti la digitalizzazione, pratica di riproduzione che ha un passato molto recente, consente di scavalcare il problema del prestito inter-bibliotecario diminuendo drasticamente i tempi d’attesa che impediscono allo studioso di dare sollecita attuazione ai suoi “desiderata” critici. Al di là del dato puramente economico, la digitalizzazione ha il solo difetto di non esser diffusa ovunque, anche a causa delle tecnologie obsolete che rallentano e macchiano il lavoro di molte biblioteche, sicché è sperabile che tale servizio si diffonda ancor più capillarmente onde consentire a chi si occupa di letteratura di venire in possesso anche di quelle opere marginali che non sempre è possibile reperire con facilità. Il presente saggio, condotto tutto su opere digitalizzate (e – per inciso – convertibili in formati analizzabili elettronicamente), ha lo scopo di render palese come i campi di studio potrebbero essere estesi a piacere, se solo si ponesse in essere un rinnovamento radicale delle metodologie non solo a livello critico ma anche sul piano squisitamente tecnologico.

2. Stranezze, negli studi letterari, se ne presentano poche o molte, a seconda del punto di vista da cui ci si pone quando si valutano gli apporti creativi del singolo scrittore. Magari una manciata di versi, di quelli buoni, basta a collocare un poeta sul piedistallo, certamente addobbato con qualche petrarchesca corona d’alloro che ne attesti il valore e la “vis” artistica. E questo, ovviamente, vale anche per la diffusa congerie dei narratori. Tuttavia, in qualche caso, si assiste a una singolare amnesia, un oblio che, in tutta franchezza, ha qualcosa di arcano, di inspiegabile. Ed in effetti appare sostanzialmente incomprensibile che un letterato qualsiasi, degno d’apprezzamento e di qualche lode nell’epoca in cui visse, finisca poi con l’essere inspiegabilmente misconosciuto anche dai suoi stessi pretesi amici, quando i tempi cominciano a cambiare. Non ci si vuole riferire qui ad analisi critiche più attempate (o vetuste, per dirla col Croce): chi scrive in prossimità del delitto – ci si passi la sorridente criminalizzazione del testo – ha forse conosciuto gli autori, se ne sente conlimitaneo, quasi come se l’esercizio critico da porre in essere in quelle occasioni fosse sentito ancora come impegnato e/o militante. Nel nostro caso si vuol intendere che un poeta, un giornalista, uno scrittore prolifico quale fu Antonio della Porta1 avrebbe meritato miglior sorte. Coevo alla migliore stagione del bizantinismo nostrano, pur se da posizioni che lo apparentano al carduccianesimo assai più che al D’Annunzio (altra strana occorrenza, ché Antonio era abruzzese come il Vate e fu il curatore – per i tipi della Zanichelli – della prima edizione delle Elegie Romane), della Porta ebbe una produzione assai diversificata, che ne dimostra il costante impegno in quelle battaglie letterarie che contraddistinsero il periodo cosiddetto “fin de siécle”. Il della Porta, amico di De Bosis e, s’è detto, Carducci (che fu il suo primo esegeta2), ma anche non respinto sodale del citato D’Annunzio e di Pascoli, abbinò ad una vena creativa feconda e torrenziale di poeta3 indubbie doti di giornalista impegnato, sia aderendo a proposte editoriali importanti, periodici che segnarono l’epoca in cui egli visse come Battaglia Bizantina, Nuova Rassegna, La Vita Italiana, per non parlare di qualche sua sporadica apparizione sul Marzocco, su L’arca di Noé, sul Resto del Carlino e infine sul Convito, del quale fu anche segretario redattore (forse sono di sua mano, almeno in parte, le “Cronache”?4); sia proponendosi come motore di riviste certo meno note (e si veda, soprattutto, La Libera Stampa, prima autonoma e poi erede del più noto Gargantua)5 ma indubbiamente piene di quell’entusiasmo di rinnovamento culturale che segnò – con indelebile marchio – la fine del secolo diciannovesimo. E ciò a voler tacere d’un suo tardivo inserimento nel sentiero che fu poi tracciato da giornali d’epoca fascista, ove il della Porta ripiegò nel ruolo meno nobile, ma forse più consono alla tempra d’avvocato ch’era venuta prevalendo in lui negli anni, di cronista di nera6. L’amore verso la scrittura, dunque, non lo abbandonò mai, neppure negli ultimi anni della sua esistenza, pur trascinandolo in basso, dai fasti dannunziani e carducciani alle truci descrizioni delle gesta dei delinquenti romani. Sicché ingiustificato appare l’oblio a cui questo intellettuale, organico all’ambiente in cui scrisse e visse, è stato condannato dalla critica recente. Tolto un liquidatorio approfondimento dovuto alla penna di Ferdinando Neri7, negli ultimi cinquant’anni assoluto e totale appare il silenzio degli esegeti, facendo eccezione i primi anni Sessanta con un brevissimo intervento di Ferruccio Ulivi (più utile per una datazione biografica che per il laconico e forse ingiusto giudizio di merito)8, una citazione – in altri contesti – del “dannunziologo” Parenti9, e, ultimamente, una breve nota di Maria Linda Ghelli nell’edizione dell’epistolario Pascoli–De Bosis (nel quel si reperiscono peraltro alcune missive scritte a quattro mani l’amico Adolfo)10 e un cenno dovuto alla penna di Carmine Chiodo in contesti relativi all’ambiente marzocchino11. Ci si astenne dal parlare di lui perfino in Abruzzo, regione di nascita e sempre compianta dal montazzolese della Porta (dove la “damnatio memoriae” si spinge al punto che lo scrittore è volutamente ignorato perfino nel suo paese di nascita), preferendo puntare i fari della critica sul quasi omonimo poeta dialettale Modesto. Potenza del localismo, si dirà, perché è necessario tener conto che il della Porta abbandonò la terra dopo la prima adolescenza, facendovi ritorno, sia pure non sporadicamente, solo quando poteva e voleva (sebbene non abbia mai dimenticato le proprie origini, giungendo a ispirare le sue leopardiane e/o pascoliane Canzoni alle atmosfere idilliche e/o crepuscolari di cui s’era nutrito in gioventù e che in parte, nei suoi soggiorni al paese, continuava ad assaporare). In precedenza, invece, almeno fino al sommativo intervento di Croce12 (tombale solo all’apparenza, ché il filosofo di Rivisondoli aveva in simpatia le liriche dellaportiane), vi erano stati interventi critici soprattutto coevi, recensioni ai vari testi, quasi tutte benevole13 (eccetto taluni rilievi, abbastanza in contrasto tra loro, provenienti da oltralpe14 o da oltremanica15 e la beata ignoranza di qualche famoso avanguardista16), che mostravano come il poeta si fosse pienamente inserito nell’ “establishment” culturale della sua epoca. Unico intervento importante fu quello di Luigi Capuana, che però s’inserisce anch’esso in un ambito non complessivo17. Sicché il lavoro del critico, in tale occasione, appare arduo, pieno di contraddizioni e contrasti, trattandosi – nel caso di specie – di dover porre in essere un certosino lavoro di cucitura di brandelli e lacerti tra loro separati e non facilmente (e univocamente) riconducibili.

3. Nella disamina generale delle liriche dellaportiane, anche se si volesse seguire un criterio catalogico, bisognerebbe comunque sottolineare un dato di fatto importante: al di là dell’ovvia e già rilevata suddivisione implicita tra produzione in sesta rima e versificazione diversa, va sottolineata una seconda ripartizione, quella tra liriche composte per occasioni liete (in particolare matrimoni) e liriche d’ispirazione personale, amorosa o generica. Ben tre pubblicazioni del della Porta (le Canzoni di Guidon Selvaggio, Ballata a la maniera di Guittone d’Arezzo e Numeri) sono state composte come omaggio per le nozze di cari amici del della Porta18 e questo lascia pensare che il classicismo dello scrittore montazzolese fosse assai più vicino ad esempi già visti nella poesia arcadica e in particolar modo settecentesca, soprattutto in riferimento a quelle scuole poetiche d’ascendenza oraziana che popolarono la nostra penisola durante tutto il secolo diciottesimo e, almeno in parte, all’inizio del secolo diciannovesimo. Si tenga presente, in premessa, che ascendenze oraziane sono ovviamente presenti anche – a livello tematico – nel Carducci19: esse vanno intese non solo come naturali estroflessioni del suo impegno classicistico, ma in particolar modo come atmosfere paesistiche e bucoliche assai vicine a certe suggestioni che erano presenti, appunto, nella poesia di genere sbocciata nelle Marche e nell’Emilia Romagna del Settecento. In quest’ottica, anche il dato metrico – dissonante rispetto all’ipotesi, perché di certo strutturato secondo esempi cari alla lirica provenzale e italiana delle origini – può trovare qualche residua somiglianza nell’uso della canzone libera sotto forma di ode, sull’esempio di talune produzioni classicistiche e/o protoromantiche come la già citata Ode al Bonaparte liberatore del Foscolo20. È però evidente che, soprattutto nelle Canzoni, l’esempio che maggiormente si avvicina ai testi dellaportiani è, ma non sempre e non precisamente, quello del Leopardi; la canzone libera leopardiana vede un netto prevalere degli endecasillabi irrelati sui settenari, il cui ristretto numero rende assai complicato ridurre – nel caso specifico – le canzoni del della Porta agli “specimen” codificati da Petrarca. L’utilizzo poi di tutta la congerie di forme metriche antiche, secondo i dettami di quello che W.T. Elwert ha acutamente chiamato “arcaismo metrico storicizzante”21, inserisce di nuovo il della Porta nel solco delle contro–innovazioni portate avanti, ad esempio, dal D’Annunzio dell’Isotteo, con un virtuosismo formale che però, nel caso del montazzolese, non può e non potrà mai essere ricondotto agli esempi esotizzanti del parnassianesimo. Sicchè le canzoni composte dal della Porta possono essere ascritte, talvolta, agli schemi della ballata (come nel caso delle secvonda, “Ave. Del gesto delle cristiane”, la quale si compone di otto strofe di endecasillabi con un settenario inserito al decimo verso d’ogni strofa più un congedo, con schema metrico ABCABCCDEeDFGHHGFFII), altre volte variare secondo un sistema di stanze isomorfe senza l’inserimento di un congedo (come la prima, “Se questa casa non è nostra ancora”, dove si riscontrano cinque strofe di endecasillabi e settenari variamente alternati, con schema metrico ABCABCdEFfEE), senza parlare delle solite sestine presenti nella seconda parte del volume. Volendo riassumere, è possibile dire questo: la canzone dellaportiana non possiede modelli fissi se non interni ad ogni singolo componimento (e s’è detto che in ciò egli ricalca, ma senza imitarla mai pedissequamente, la canzone libera di tipo leopardiano), operando una “variatio” tra paradigmi continui che appare tipica anche di altri testi del montazzolese, come ad esempio Numeri, dove si susseguono ben otto tipologie metriche diverse, con una sola ripetizione non consecutiva22. Questo uso abbastanza libero, pur nella costrizione di singole e determinate partizioni metriche, è tipico di tutte le opere del della Porta, fatta eccezione – “repetita juvant” – dei tomi composti esclusivamente da sestine. si noti, a margine, il caso di Modi antichi: la strutturazione del testo è curiosamente assai simile a quella di Numeri, e questo farebbe pensare che la predilezione dello scrittore per il già menzionato schema di “variationes” create utilizzando “Leit–motive” continui sia abbastanza definita e a lui attribuibile con definita certezza. In questa sede sarà opportuno proporre una tabella in cui mostrare come tali parallelismi si esplicano nel complesso della suddivisione compositiva, in modo che la comparazione risulti utile sia in funzione chiarificatrice, sia per mostrare, a livello esemplificativo, quelli che si potrebbero definire gli schemi catalogici propri del della Porta:

MODI ANTICHI

NUMERI

1) madrigale

1) madrigale

2) “ceciliana” (tre “coblas capfinidas” monorime di endecasillabi, più un singolo verso di congedo)

2) “ceciliana”, uguale alla sua gemella

3) Sestina (ripetuta tre volte)

3) sestina (ripetuta due volte)

4) Ballata (apparentemente di due stanze, sia pure con parte del testo “in recto” con punto finale, delle quali una di soli endecasillabi con rima ABBA e l’altra composta di endecasillabi e settenari misti con rima CdECdEEFFA)

4) ballata (apparentemente monostrofica, per le stesse ragioni della sua gemella, con punto finale, composta di endecasillabi e settenari misti con rima ABBACdECdEEFFA)

5) sonetto

5) sonetto guittoniano23 (o rinterzato di settenari, con schema rimico AaBAaB/ AaBAaB/CcDdC/DdCcD)

6) stanza monostrofica

6) canzonetta di quattro stanze con distici d’introduzione e congedo, con schema rimico AA/BCBCCD/FGFGGD etc.

7) canzonetta, uguale alla sua gemella

7) “napolitana” (breve canzone villanesca composta da quattro distici di endecasillabi rimati AB/AB/AB/AB)

8) “napolitana”, uguale alla gemella

Come si può vedere, esiste una perfetta “coincidentia numerorum” (nove composizioni in ognuno dei due volumi), che – con l’ovvia eccezione del prosimetro Minareti in cui pure si reperiscono quattordici liriche – trova consonanze in un altro parallelismo, quello tra le Sestine e le Canzoni, dove il rapporto è di quindici su quindici. Deviante rispetto all’ipotesi precedente è, senz’altro, il più ponderoso La bella mano, dove i componimenti inclusi raggiungono il numero di trentatre24. Si può dunque affermare che il della Porta, per quel che concerne la forma–libro, amò strutturare i propri testi in modo variabile, inserendo in essi, in linea generale, da un minimo di otto a un massimo di quindici componimenti, utilizzando la varianza formale solo per quel che attiene il numero e la diversificazione delle tipologie metriche e strofiche, ma risultando abbastanza tradizionale quanto al rispetto degli schemi ritmici presenti nei singoli componimenti. Quest’ultima osservazione vale anche per le Canzoni, ovviamente considerando il termine “tradizionale” come applicabile anche al grande esempio del Leopardi.

4. Sarà bene, a questo punto, dare un saggio di come il della Porta riesca a intercettare, pur in un testo che dovrebbe risentire (almeno a livello teorico) dell’influenza dei poeti della sua epoca, altre e ben più strutturate tensioni liriche, che riconducono la formazione del suo discorso poetico a fonti di tipo sorprendentemente diversificato. Si è scelta, per estrinsecare tale esempio, la canzone “Se questa casa non è nostra ancora”:

Se questa casa non è nostra ancora,

Madre, e tu guarda: i muri bianchi ostili25

Nereggiano qua e là di qualche tela

Antica nostra; l’avo si scolora

Ogni dì più tra i cromi ardui sottili

Di gravi pergamene e non disvela,

Per lume di candela

Che vigili costante sulle dotte

Veglie26, sì lunghe, del lontan nipote,

Ahi, le cagioni ignote

Che tutte ebber le tue speranze rotte27,

Madre, che intanto piangi nella notte.

Ti fere, in sul mattino, il primo sole28

E pio tenzona con le tarde nevi

De’ tuoi capelli, operatrice santa;

Mattinano le tue prime parole

II buon figliuolo, pronto, chè si levi

Alla milizia ch’egli sa cotanta:

Córrevi incontro e canta,

E l’accompagna il limpido sorriso

Che sulle labra fresco ti rinasce

Dal dì che tra le fasce,

Cred’io, vedesti, o lieta madre, il riso

Dell’universo accolto nel mio viso.

Ricercano le poche umili stanze29

Da mane a sera, gravi oggi e sì lenti,

I passi che un di corsero leggeri

La casa ricca di tutte abondanze:

D’onde spirai, fanciullo, con ardenti

Impeti, i modi disdegnosi alteri,

Che non fatti men fieri

Dai colpi per cui, madre, anco ti accori,

Dispongon già, per tempo ch’è vicino,

Un tuo miglior destino,

O nata a dolorar tutti i dolori,

Alta la fronte, onor di vincitori.

Solo una pietra, insigne monumento,

Recastimi dai luoghi e dalle terre

Nostre una volta: quella, per tant’anni

Sostenitrice senza mutamento30,

Fossero paci o rompessero guerre31

Ridesser gioie o gemessero affanni

Per letizie o per danni,

Di ròcchi annosi che sul focolare

Crepitavano in fiamma ilare e grande;

E, intornovi, ghirlande

Di rose, in ordin duplice, a guardare

Tutti i nepoti, e la nonna a filare.

Quella vorrò, mentre che la vicenda

Da tanto centenaria ne ripinga

A, gradi e segni nobili e nativi,

Che, ritornata al prisco officio32, splenda

Lare fedele, e a sè chiami e restringa

Quelli di nostro sangue ultimi vivi.

Veggano i tuoi giulivi

Occhi, al chiaror dell’inclita fiammata33

Di nostra gente, i superstiti volti

Che il ceppo abbia raccolti,

Dopo tant’ora di tanta vernata

Forse ad un’ora di pace, beata.

Dall’analisi, risulta palese che i livelli compositivi del della Porta sono assolutamente congruenti ad un sostrato formale e contenutistico ben definito, quello dei grandi classici, ma anche di autori divergenti. Anche la tradizione epica riemerge in tutta la sua vigoria, testimoniando come il tessuto delle fonti sia biunivoco, anche in questo caso, laddove tentativi di concettualizzazione spiritualistica coesistono con un’atmosfera eroica facilmente riscontrabile nell’uso dei modelli lirici tassiani e ariosteschi (o dei loro imitatori).

1 La grafia del nome di Antonio della Porta varia a seconda dei testi in cui egli è citato. Orientativamente, gli amici più intimi e coloro di cui si considerava discepolo scrivono il cognome in forma nobiliare, con la “d” minuscola. Si è deciso di adottare questa forma perché in effetti il della Porta vantava origini nobili (e a leggere le Canzoni non sembra avesse torto) e non si hanno argomenti contrari a tale ascendenza. Comunque, nelle citazioni dai testi dove la lettera minuscola non è riportata, si è deciso di lasciare il carattere scelto dal critico o comunque dallo scrittore che eventualmente lo citasse. Si noti che il Carducci, che della Porta considerava come proprio mentore, utilizza sempre la maiuscola.

2 Cfr. G. Carducci, “Al signor Antonio Della Porta”, in Battaglia bizantina, 6 maggio 1888, ora in Ibid., Ceneri e faville, serie III, Bologna, Zanichelli, 1942, vol XXVIII, p. 203, elogiativo, pur nei forti modi che erano consueti del poeta di Bolgheri.

3 Non sarà fuor di luogo ricordare, nell’ordine, le opere di Antonio della Porta apparse in volume o in singolo opuscolo: I Berretti: Conferenza detta al Club felsineo il 26 gennaio 1889, Giorno dell’inaugurazione dei Berretti storici universitari, Bologna, Zamorani & Albertazzi, 1889; Le sestine, Bologna, Zanichelli, 1890; La bella mano, Bologna, Zanichelli, 1891; Ballata a la maniera di Guittone d’Arezzo, Bologna, Zamorani & Albertazzi, 1891; Modi antichi, Bologna, Zanichelli, 1892; Numeri, Trani, Vecchi, 1894; A Gabriele d’Annunzio legislatore: Ode, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 1897; Tre canzoni di Guidon Selvaggio, Roma, Società Editrice Dante Alighieri, 1899; Canzoni, Roma, Societa Editrice Dante Alighieri, 1900. A quattro mani compose: con A. Cervi, Minareti: versi e prose, Bologna, Azzoguidi, 1888; con V. Tirabassi, San Silvestro: bozzetto comico in un atto; Trani, Vecchi, 1888; con A. Albertazzi, Immacolata: commedia in tre atti, Bologna, N. Zanichelli, 1894.

4 Nella parte finale di quasi ogni fascicolo del Convito, appaiono recensioni e descrizioni di mostre e/o analisi di scuole pittoriche sicuramente ascrivibili, come in qualche raro caso denota lafirma, ai vari collaboratori del convito. Parecchie sono anonime e dunque non va escluso il contributo del della Porta alla loro estensione, soprattutto per quel che concerne le recensioni di testi letterari.

5 Per le riviste citate, e s’intende quelle di più breve respiro, vedi principalmente O. Majolo Molinari, La stampa periodica romana dell’Ottocento, 2 voll., Roma, Istituto di Studi Romani, 1977, in part, vol. I, pp. 54 e 546 – 547; e A. Briganti – C. Cattarula – F. D’Intino, I periodici letterari dell’Ottocento. Indice ragionato (collaboratori e testate), Milano, Franco Angeli, 1990, pp. 33, 139, 213 – 214.

6 Cfr. Annuario della Stampa Italiana, Roma, Casa editrice del Libro Italiano, 1931, p. 122, dov’è ricordato come cronista giudiziario nei quotidiani romani.

7 Cfr. F. Neri, Poesia nel tempo, Torino, Silva, 1948, pp. 152 – 156.

8 Cfr. F. Ulivi, Poeti minori dell’Ottocento italiano, Milano, Vallardi, 1963, pp. 761 – 764. L’Ulivi, bontà sua, definisce “illeggibili” le canzoni e nella sua raccolta privilegia le opere precedenti.

9 Cfr. M. Parenti, “Una commedia da rifare”, in Lo Smeraldo. Rivista letteraria e di cultura, 1 (1962), pp. 23 – 27, in part, pp. 25 – 26.

10 Cfr. G. Pascoli – A. De Bosis, Carteggio, cur. M.L. Ghelli, Firenze, La Nuova Italia, 1998, passim. Una citazione, davvero “en passant”, in D. Trotta, La via della penna e dell’ago. Matilde Serao tra giornalismo e letteratura, Napoli, Liguori, 2008, p. 45, n. 16, e soprattutto p. 98, n. 3, in riferimento al fatto che della Porta fu per qualche tempo una “firma assidua” del supplemento al quotidiano Il Mattino, (stampato nel biennio 1894/1895), inviando al periodico “numerose sestine”.

11 Cfr. C. Chiodo, “In margine ai «marzocchini»: il caso di Romualdo Pàntini, in Campi immaginabili, 2 (2000), pp. 70 – 96, in part. pp. 85 – 86

12 Cfr. B. Croce, La letteratura della nuova Italia, Saggi critici (vol. VI), Bari, Laterza, 1940, pp. 213 – 221. In precedenza, esso era apparso in La Critica, 1 (1936), pp. 81 – 87.

13 Cfr., ad esempio, L. Savorini, “Versi e poeti. Le Canzoni di Antonio della Porta”, in Rivista Abruzzese di Scienze, Lettere ed Arti, a. XV, fasc. V (1900), pp. 212 – 217 (l’articolo è firmato Aloysius); L. D’Ambra, Le opere e gli uomini. Note, figure, medaglioni, saggi (1898 – 1903), Torino – Roma, Roux & Viarengo, 1904, pp. 128 – 133 (l’articolo è però datato 1896 e si colloca in un volume che raccoglie recensioni da qualche rivista, con la citazione di una quindicina d’autori francesi e solo due minori italiani, appunto il della Porta e il narratore ciociaro, d’impronta bizantineggiante, Giustino L. Ferri, su cui si veda, ad esempio, A. Briganti, ” Un intellettuale fra utopia e professione: Giustino L. Ferri”, in Aa.Vv., Letteratura italiana contemporanea, voll. 5, cur. G. Mariani – M. Petrucciani, Roma, Lucarini, 1979 – 1982, in part. vol. I, pp. 1-39, con bibliografia). Si noti che il D’Ambra, romanziere e drammaturgo di fine Ottocento nonché sceneggiatore dei primi film muti (e cfr. G. Rondolino, “Lucio D’Ambra”, in www.treccani.it/enciclopedia/renato-eduardo-manganella_(DizionarioBiografico), ult. cons. 26 febbraio 2013, con abbondante bibliografia, nella quale si segnala A. Iermano, “Il giovane D’Ambra tra mondanità e letteratura”, in Riscontri, 3-4 (1993), pp. 85 – 96, che però non fa menzione del della Porta), cita il nostro autore anche nei suoi diari come presente alla prima rappresentazione del Braccialetto di Giannino Antona-Traversi, per una discussione letteraria con lo stesso D’Ambra in relazione ai “nuovi bizantini” e per gli auguri di matrimonio (cfr. L. D’Ambra, Gli anni della feluca, cur. G. Grazzini, Roma, Lucarini, 1989, pp. 129, 143, 151, e la seconda menzione verrà discussa in seguito). Spulciando gli archivi, si segnala anche una recensione di Minareti pubblicata nel 1888, nei numeri 15 – 16 della rivista letteraria gelese Cronaca Siciliana, testo che però risulta a tutt’oggi introvabile. Non si esclude che su alte riviste d’ambito locale possano essere usciti altri interventi, vista l’abitudine dello scrittore montazzolese di inviare l’elenco dei libri ricevuti presente nella Rassegna Pugliese di Scienze, Lettere e Arti dell’editore tranese Vecchi, sulla quale apparve (e vedi infra) la commedia San Silvestro. Si aggiungano a questi dati (che verranno peraltro discussi in seguito) anche: C. Antona-Traversi, La verità sul teatro italiano dell’Ottocento, Udine, Istituto delle Edizioni Accademiche, 1940, p 146, dove il della Porta è definito “poeta e prosatore chiarissimo”. Una citazione del montazzolese anche in C. Reynaudi, La poesia della famiglia in Italia, Roma, Roux & Frassati, 1895, con la riproduzione della lirica “A mio fratello”, e – al di là delle Alpi, nel testo di A. Godoy, Quatre nocturnes, Emile-Paul Freres Editeurs, Paris, 1929. L’opuscolo del Godoy, che ci è stato impossibile consultare direttamente, contiene quattro liriche di quattro autori diversi scelti con un criterio abbastanza opinabile se si tien conto del fatto che sono quasi tutti minori (rispettivamente E.A. Poe, il poeta rivoluzionario cubano José Martì, il decadente colombiano José A. Silva e appunto il nostro della Porta): essi appartengono infatti a correnti letterarie diverse e soprattutto a continenti dove gli “ismi” europei (per dirla con Capuana) vennero recepiti e posti in essere in maniera che appare molto diversificata, pur affrontando tutti, in modo abbastanza simile, la medesima tematica, e cioè quella della notte. La poesia dellaportiana contenuta nel libricino curato dal Godoy è “Una notte, ed avrò di quella notte” (e cfr. Canzoni, pp. 69 – 71).

14 Cfr. J. Dornis, La Poésie Italienne Contemporaine, Paris, Ollendorff, 19002, pp. 82 e 232. Secondo l’autrice,  “les poètes du groupe bolonais sont des érudits; la culture savante nourrit leur poésie, lui apporte un fond, qui la renouvelle e la soutient. Les jeunes gens se passionnent à faire renaître les formes métriques, tombées en désuétude, de l’ancienne poésie italienne. Ils ont réussi pour la Ballata, pur la Ballatine, pur les Bordatines. Malgré les efforts de M. Antonio della Porta, qui a consacré un ingénieux volume a remeitre en honneur la Sextine, qu’affectionait Pétrarque, il semble que cette forme, trop subtile, trop complexe, ne saurait renaître. Ce sont là des jeux de lettrés, dignes des poètes élégants de la Renaissance, dont ceux-ci sont les enfants” (vedi ivi, p. 82). Altrove, l’autrice transalpina parla del nostro come di un “ardent disciple de d’Annunzio”, ricordando anche, oltre alle già citate sestine, anche la nota “Ode a Gabriele D’Annunzio legislatore” che della Porta pubblicò prima sulla rivista. Quanto a Jean Dornis, originariamente nata a Firenze come Elena Goldschmidt-Franchetti (1870 – 1948), va detto che fu amica, nonché allieva, di Leconte de Lisle, conobbe Proust ed ebbe qualche fama, nel periodo “fin de siecle”, come autrice di romanzi e di opere di critica letteraria. Va rilevato che il Carducci, pur nel suo sostanziale rifiuto del parnassianesimo, aveva espresso un giudizio positivo del Leconte de Lisle, sostenendo che soltanto con il poeta di Saint-Paul e con Victor Hugo egli si ritrovava “in piena e concorde rispondenza sublime” (cfr., su questo, G.P. Sozzi, Il Parnasse e i suoi riflessi in Italia, Urbino, Argalia, 1968, p. 133, n 35. Si noti che nello spoglio bibliografico di Sozzi, alle pp. 233 – 433, non si fa menzione di nessun intervento dellaportiano relativo al parnassianesimo sulle riviste dell’epoca, e che tra i poeti carducciani che risentirebbero di qualche influsso del “Parnasse” sono citati i soli Ferrari e Marradi). Sempre in ambiente francese, si segnala il breve accenno di A. Reggio, L’Italie intellectuelle et littéraire au debut du XX siècle, Paris, Perrin, 1907, p. 127, dove il della Porta viene indicato, non si capisce su quali basi, come il vero soggetto dell’imitazione altrimenti dannunzianeggiante di Angiolo Orvieto (“M. Orvieto a vibré à même le clavier sentimental, mais sous une forme plutôt tributaire delà manière de M. d’Annunzio, laquelle paraît, d’autre part, avoir pétri le style, le cœur et l’esprit d’un tempérament plus vassal et comme écrasé, celui d’Antonio della Porta, jeune auteur de Sestines, ayant à son actif une Ode à G. d’Annunzio, législateur […]”).

15 Cfr. W. Sharp, Studies and Appreciations, New York, Duffield & Company, 1912, pp. 347 – 348. Lo Sharp cita il poeta di Montazzoli all’interno di una riflessione sul desolante panorama che caratterizzerebbe (a suo dire) la letteratura post-carducciana: “The subsequent period would be a blank but for the modest appearance of three young writers of promise, the Sicilian Cesareo, the Roman Diego Angeli, the Lombard Antonio della Porta. It must be admitted that the outlook today is not more encouraging than it was a decade ago; perhaps less so since Carducci is now all but silent, and the mature writers of the younger group – with the exception of Giovanni Pascoli – reveal no advance upon what they had achieved before 1890 […]”, con la presa d’atto che le cose migliori, in quel periodo, erano prodotte da D’Annunzio e dai poeti dannunzianeggianti. William Sharp (18551905), critico e poetascozzese, scrisse, a partire da 1893, anche sotto lo pseudonimo di Fiona MacLeod, tenuto quasi segreto durante la sua vita. Fu, inoltre, editore di poesie di Ossian, Walter Scott, Matthew Arnold, Algernon Swinburne e Eugene Lee-Hamilton. Lasciata la Scozia verso la fine del secolo, dopo un lungo peregrinare si stabilì in Sicilia, nella Ducea di Bronte, dove morì qualche anno dopo. Si noti, a margine, il curioso refuso dello Sharp, che scambia l’abruzzese della Porta per un lombardo, forse confondendosi con l’omonimo scultore quattrocentesco. Il contrasto tra l’opinione critica dello Sharp e quella della Dornis può essere spiegato con il fatto che entrambi sembrano non essere del tutto informati sul panorama letterario italiano del tempo. Un’altra citazione, sia pure collaterale e divulgativa, nonché certamente esagerata vista la sua collocazione accanto alla menzione di Pascoli e Carducci, si trova in un volume pubblicato negli Stati Uniti da Carlo Sforza, futuro ministro degli esteri di De Gasperi, già antifascista e docente di “Italian Culture” a Berkeley (e cfr. Id., Italy and Italians, New York, Dutton, 1949, p. 62. Il testo venne tradotto in inglese da E. Mutton direttamente dagli appunti delle lezioni dello Sforza): “[…] Today too, this sentiment for nature has inspired Carducci with his finest verses and has made of Pascoli a poet; and with Pascoli, others whom fate has not allowed to become famous, the Abruzzese Antonio della Porta and the Lunigianese, Ceccardo Roccatagliata […]”. In questa particolare occasione, in tutta evidenza, il politico lucchese inserisce l’opera del della Porta in un filone bucolico ed agreste che a suo dire trovava i propri natali nelle Georgiche virgiliane, nel Ninfale Fiesolano di Boccaccio, in Poliziano ed Ariosto, e infine nel Pastor Fido di Guarini. Notevole, ma non del tutto condivisibile, l’accostamento implicito tra il della Porta e Ceccardo Roccatagliata Ceccardi. In Ceccardi veicola, nella sua poesia, un autobiografismo lirico d’estrazione paesistica, esaltando e glorificando i ricordi (vere e proprie “memoires involontaires”), in un tessuto espressivo dove la memoria s’intreccia in modo inestricabile a una seducente musicalità (e su tutto ciò, cfr. R. Mosena, Roccatagliata Ceccardi. Metamorfosi e ismi della poesia, Roma, Ulisse, 2004). Quello che non convince, nell’approccio non certo specializzato posto in essere dallo Sforza, è il suo silenzio sulle intonazioni civili e patriottiche del poeta ligure, che, se lo avvicinano indubbiamente a Carducci e D’Annunzio (e non a Pascoli, dunque, se non “apres le coup”), indubbiamente lo pongono in contrasto con della Porta, non aduso a esaltazioni nazionalistiche se non di sfuggita e per scopi del tutto secondari.

16 Si legga, ad esempio, questa significativa affermazione, relativa ad una richiesta di notizie sui poeti italiani più in voga alla fine del secolo diciannovesimo: […] quanto alla domanda del Muret? è un po’ difficile rispondere e tu ne sai quanto me. Orvieto, Garoglio, Pàntini, Gaeta, Catapano, Pastonchi, Cena, Ceccardi, Giorgeri-Contri, Della Porta, Angeli, Bertacchi, Damiani, Lipparini ecc. Ecc. Son tanti ! E come fare a trovar notizie? Ne chiederò a Garoglio appena lo vedrò […]”. Su ciò, cfr. G. Papini – G. Prezzolini, Carteggio, cur. S. Gentili – G. Manghetti, voll. II, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2003 – 2008, in part. vol. I (1900 – 1907), p. 201 e n. 10. Il francese Maurice Muret (1870 – 1954), letterato e scrittore di cose politiche, fu redattore del Journal des Debats Politiques et Literaires (cfr. ivi, p. 168, n. 5).

17 Cfr. L. Capuana, “Le canzoni di Antonio della Porta”, in Rivista d’Italia, a. II, vol. III, fasc XII, 16 dicembre 1899, pp. 714 – 726.

18 “Queste canzoni di Guidon Selvaggio manda alle nozze dell’amico Giuseppe Gotti con la signorina Giulia Becchetti oggi che sono Li II di Febbraio MDCCCXCIX Antonio della Porta” (e cfr. A. della Porta, Tre Canzoni di Guidon Selvaggio, cit., p. 1). La Ballata a la maniera di Guittone d’Arezzo venne scritta per le nozze tra Pompero Goretti e Jenny Callari. Quanto a Numeri, il volume venne offerto all’amico Orazio Spagnoletti (e vedi infra), in occasione delle sue nozze con Maria Perfetti.

19 A livello esemplificativo, cfr., su tali argomenti, F. Mattesini, “Carducci tra Properzio, Orazio, Virgilio. Tre generi di poesia, una cultura”, in Aa.Vv., Letteratura fra centro e periferia: studi in memoria di Pasquale Alberto De Lisio, cur. G. Paparelli – S. Martelli, Napoli, ESI, 1987, pp. 859 – 867; G. Calorì, “Orazio e Carducci”, in Aa.Vv., Orazio e la letteratura italiana, Roma, Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, 1994, pp. 469 – 488 (ma vedi anche, nello stesso volume e sul versante della metrica) G. Mancini, “L’imitazione metrica di Orazio nella poesia italiana”, ivi, pp. 489 – 532, con citazione della metrica barbara del Carducci alle pp. 514 – 532; e (per quel che concerne il già menzionato Fantoni), pp. 497 – 499 e passim. Si veda pure A. Iurilli, Orazio nella letteratura italiana: commentatori, traduttori, editori italiani di Quinto Orazio Flacco. Dal XV al XVIII secolo, Roma, Vecchiarelli, 2004.

20 Sulle forme metriche settecentesche, devesi vedere principalmente R. Zucco, Istituti metrici del Settecento. L’ode e la canzonetta, Genova, Name, 2001, dove si possono reperire taluni schemi metrici significativamente vicini a quelli usati dal della Porta.

21 Cfr. W.T. Elwert, “Lo svolgimento della forma metrica della poesia lirica italiana dell’Ottocento”, in Ibid., Saggi di letteratura italiana, Wiesbaden, Steiner, 1970, p. 30.

22 Rispettivamente madrigale, “ceciliana” (tre “coblas capfinidas” monorime di endecasillabi, più un singolo verso di congedo), sestina (ripetuta due volte), ballata (di endecasillabi e settenari misti con rima ABBACdECdEEFFA), sonetto guittoniano, stanza monostrofica, canzonetta e “napolitana” (breve canzone villanesca composta da quattro distici di endecasillabi rimati AB/AB/AB/AB).

23 Il della Porta ebbe una certa predilezione per il sonetto rinterzato, tant’è che ne sono presenti ben quattro nel volume La bella mano (cfr. A. della Porta, La bella mano, pp. 7, 9, 11, 13).

24 Si tenga presente che, non contando testi finora non reperti, si sono trovate tre sole composizioni non raccolte in volume: la “Sestina del primo mattino” apparsa sulla Nuova Rassegna del 30 agosto 1894 (a. II, n. 27), la “Sestina della madre terra”, edita sul Convito, a. I, fasc. 5 (1895), p. 343; “Il quartiero oscurato”, sestina pubblicata – con il nome di Ettore della Porta, forse per un refuso – sul Marzocco, 22 maggio 1898, p. 1; e “In morte di Gaetano Manaresi”, elogio funebre alla memoria d’un compagno di corso prematuramente scomparso (in Battaglia bizantina, anno III (1889), n. 24, p. 4). Si noti che il della Porta ebbe a pubblicare anche un opuscolo contenente una singola ballata (e cfr. la Ballata a la maniera di Guittone d’Arezzo), il che porterebbe il numero complessivo delle liriche dellaportiane note a superare la cinquantina.

25 Cfr. il seguente passo dei tardo-settecenteschi Annali Bolognesi del Savioli: “I nostri Legati, che osarono di minacciarla (sc. la guerra) in Forlì, ritornarono vituperati, e lo sdegno potè a maniera, che l’oste de’ Bolognési col seguito degli ausiliarj comparve improvvisamente a San Bártolo a vista de’ muri ostili” (il Savioli, poeta e storico bolognese vissuto tra il 1729 e il 1804, ripete il lemma anche un’altra volta).

26 Cfr. un passo de I Secoli della Letteratura Italiana, stampati nel 1833 da Giambattista Corniani e Stefano Ticozzi: “Queste dotte veglie si chiudevano con dilicato simposio, […], condito da gioviali e sensate disputazioni, rinovando così il costume degli antichi dipnosofisti […]”; ma cfr. anche una traduzione di G.B. Bolza del Wallenstein del poeta tedesco, amico di Eichendorff, Josef Christian Von Zedlitz: “[…] Tu nelle dotte veglie il ciglio immoto/ Nello stellato firmamento intendi,/ E de’ remoti soli e de’ minor/ Erranti fochi spiando le arcan/ Ruote fatali, d’indagar confidi/ Se sventura o favor t’indica il fato […]”. Vedi anche le Prediche del Cambaceres tradotte nel 1831 da Sante Rossi: “Per glorificare questa divina parola i martiri salirono sopra le cataste e sopra i patiboli; per pubblicarla gliu apostoli trascorsero e terre e mari dall’uno all’altro confine dell’universo; per meditarla gli anacoreti vissero nel silenzio e nella solitudine dei deserti; per illustrarla i scari interpreti consacrarono le loro dotte veglie e le fatiche dell’ingegno […]”.

27 Cfr. un passo dei Cinque canti di Ariosto: “Quanti annisien non sapreidir, ch’io scesi/ in queste d’ogni tempooscuregrotte:/ che qui né gli anni annoverar né i mesi,/ né si può il conoscer da la notte./ Duovecchi ci trovai, dai quali intesi/ quel da che fur le mie speranze rotte:/ che più de la mia età ci avean consunto,/ et io gli giunsi a sepelire a punto “[…]”.

28 È una citazione evidentissima dal Passero solitario di Leopardi (vv. 39 – 43, in part. v. 41): “[…] Indugio in altro tempo: e intanto il guardo/ Steso nell’aria aprica/ Mi fere il Sol che tra lontani monti,/ Dopo il giorno sereno,/ Cadendo si dilegua […]”.

29 Cfr. un escerto contenuto negli Atti dell’Accademia delle Scienze di Siena, detta de’ Fisio-Critici, del 1808: “Annesso a questa Chiesa esiste ancora un’angusto (sic!) conventino di poche, ed umili stanze; abitato una volta dai Religiosi Serviti; oggi da un romito custode […]”.

30 È espressione presente nel Purgatorio di Dante, (c. XXVIII, vv. 7 – 9): “Un’aura dolce, sanza mutamento/ avere in sé, mi feria per la fronte/ non di più colpo che soave vento […]”.

31 Si veda questo passo dell’Assedio di Roma del Guerrazzi: “Intanto questo è il primo predicato del Vangelo, che i sacerdoti di Cristo non solo devono procedere immuni da qualsivoglia dominio il quale ingerisca necessità di rompere guerre, e mettere mano nel sangue, ma ed anco da possedimento terreno […]”.

32 Cfr., in un contesto di studi grammaticali ed eruditi, un “prisco officio di consonante” in una Dissertazione Storico-Critica pubblicata da Michele Angelo Lanci nel 1820.

33 Il lemma, in forma leggermente diverza ma sostanzialmente analogo, appare nelle Rime di Tasso: “[…] Usa è a veder la faccia/ Di cose avverse, e a vincerle l’infiamma/ Quella onde cita scese entro le membra,/ Celeste inclita fiamma,/ Di cui non scemò dramma […]”; poi, su evidente ispirazione petrarchesca, nelle Poesie varie del tardo arcade Angelo Talassi: “[…] Inclita fiamma onesta/ Ne’ saggi cuori avvampi,/ Ne l’orme Amor vi stampi, Cui benda gli occhi un vel […]” (vedi anche, certamente in ambiente arcadico emiliano, ma senza che si potesse identificare la fonte, i seguenti versi sepolcrali: “[…] Col zelo ancor d’inclita fiamma adorno,/ Mira ch’or l’empie e la mestizia e il duolo,/ Né qui più avvien ch’altro di te risieda,/ Che il bel vanto dell’opre e il nome […]”). Vedi anche, infine, L’Odissea della Donna di Tullo Massarani, pubblicata nel 1807: “[…] O Forte eccelso, o Forte!/ […] E, correndo, sul culmine già sale,/ Ove un guerriero vale/ Ode tuonar da innumera coorte/ – O mio diletto! In campo/ Morrai. Per te d’inclita fiamma avvampo […]”


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *